Rifiuti : Attendere ancora. Stefanelli attacca la regione sui 3 siti prescelti

22

Il presidente della provincia,Gerardo Stefanelli punta il dito contro la Regione, ma anche contro consiglieri regionali, deputati e senatori pontini che, sul tema, finora non hanno detto una parola.
Il presidente Stefanelli ha voluto ripercorrere tutto l’iter riguardante l’impianto da realizzare in provincia, iniziato ancora prima del commissariamento dei rifiuti da parte della Regione, che il 1 marzo ha decretato la nomina di Illuminato Bonsignore, che però era già al lavoro da inizio dicembre 2021, in piena campagna elettorale per le provinciali. «La Regione poteva concedere sei mesi di appello anche a noi, come ha fatto con Roma, ma così non è stato» ha dichiarato Stefanelli. Insomma, mentre i candidati erano a caccia di voti per la nuova amministrazione provinciale, il commissario stava utilizzando a pieno gli uffici tecnici dell’ente di via Costa, «gli stessi uffici di cui mi sarei avvalso io», spiega Stefanelli. Poi, di venerdì pomeriggio, è arrivata la sentenza: Bonsignore ha individuato non uno, ma ben tre siti idonei per la discarica. «Una notizia che ha stupito tutti. Ci aspettavamo che il commissario avrebbe indicato un solo sito idoneo, visto che anche noi ne avevamo individuati diversi». Insomma, alla luce dei fatti, quanto fatto dal commissario (la cui prestazione sarà pagata dalla Provincia), non è tanto diverso da quanto lo stesso ente di via Costa aveva già fatto in autonomia. Eppure, quanto fatto da Bonsignore è legittimo. «D’altronde – prosegue il presidente – il suo compito era quello di individuare uno o più siti idonei, e ora ha passato la palla a noi».

«Il nostro compito, adesso, è quello di avviare uno studio di secondo livello, visto che attualmente disponiamo soltanto di siti selezionati in quanto ritenuti idonei soltanto sommariamente e a livello cartografico. Bisogna agire con l’analisi approfondita e dettagliata in merito al sottosuolo, al tema delle acque, alla distanza reale dai centri abitati o dalle case sparse, con conseguente indagine sulla legittimità dei titoli abitativi di chi vive lì intorno». E sia chiaro: c’è la possibilità che nessuno dei tre siti individuati da Bonsignore superi questo secondo esame. «Al termine dello studio di secondo livello, che la Provincia avvierà nel più breve tempo possibile, avremo a disposizione un patrimonio conoscitivo che permetterà al Consiglio provinciale di esprimersi sul piano di individuazione del sito più idoneo. Ma è mia volontà di convocare una Conferenza dei Sindaci, prima del Consiglio provinciale, per discutere con tutti loro degli esiti delle analisi». A seguire, una volta individuato il sito, bisognerà predisporre il progetto di impianto e procedere con gli espropri, visto che ognuna delle tre aree individuate appartiene a privati. Ad oggi, ognuno di questi privati, nel caso decidesse di realizzare l’impianto per conto suo, potrebbe avviare in autonomia il percorso più velocemente della Provincia, perché «non c’è scritto da nessuna parte che l’impianto debba essere pubblico». E sempre a proposito della localizzazione della struttura, Stefanelli ricorda come “il commissariamento nasce dalla necessità di dare una discarica di servizio a Rida Ambiente”. E se si tratta di un impianto di servizio, è sicuramente più sensato che il sito sia il più vicino possibile alla società con sede ad Aprilia.

«Chi costruirà la discarica? Con quali soldi?». Sono tutte domande che Stefanelli si è posto ieri mattina in conferenza, e che comunque sembrano portare ad una risposta scontata, ossia che ricadrà tutto sulle spalle dell’ente di via Costa. Eppure il presidente mette subito i paletti: «La Provincia non è un ente che può gestire un impianto rifiuti». La soluzione definitiva, sempre a detta del presidente, è l’Egato, ossia l’ente di governo dell’ambito territoriale ottimale, cosa che a Latina manca. Ed è proprio sull’Egato che, ormai da tempo, si sta concentrando la battaglia di Stefanelli, che tra il nuovo logo e il nuovo sito web, sta aprendo la strada ad un ente ritenuto indispensabile per gestire il ciclo dei rifiuti in provincia di Latina. D’altronde, per realizzare l’ente bisognerà prima mettere d’accordo tutte le amministrazioni comunali, che dovranno discuterne nei rispettivi Consigli. «Così come la Regione è stata veloce, scortese e discriminante nel commissionare la provincia di Latina e non Roma, dovrebbe essere altrettanto celere nell’approvare la legge sull’Egato, perché rappresneta l’ente che dovrebbe gestire un impianto rifiuti»


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLatina, la diocesi pronta a festeggiare la patrona S. Maria Goretti: si inizierà il 25 giugno con il pellegrinaggio notturno alla Casa del martirio
Articolo successivoCarenza organico Polizia e sovraffollamento detenuti, Vespia della FNS CISL: «Sistema Penitenziario al collasso»