Sabaudia chiude le sue scuole da domani al 3 febbraio

La situazione alla sede centrale dell’Istituto Comprensivo “Valentino Orsolini Cencelli” di Sabaudia si stava facendo veramente difficile e rischiava di degenerare.

Rilevante il numero di contagi riscontrati all’interno della scuola di via Emanuele Filiberto Testa di Ferro, tanto da indurre il sindaco Giada Gervasi ad emanare, in via precauzionale, ordinanza di chiusura di diverse classi, tra medie, elementari e materna, nelle giornate di lunedì e martedì scorsi, 25 e 26 gennaio e, quasi contestualmente, a chiedere al prefetto, al direttore generale dell’Asl, al direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale e al dirigente al dirigente scolastico un incontro urgente per valutare la possibilità di chiudere in via cautelativa il plesso di Sabaudia Centro per un numero maggiore di giorni, almeno 7, o comunque l’assunzione di altre misure anche a più ampio raggio.

E dai colloqui con le autorità preposte ecco sortire la decisione di chiudere tutti gli istituti di ogni ordine e grado di Sabaudia e frazioni. Interessati alla disposizione, che ha carattere temporaneo, quindi, non solo il Cencelli ma anche l’istituto Omnicomprensivo “Giulio Cesare”. Un provvedimento appena sancito con apposita ordinanza del sindaco Giada Gervasi.

Ma in questo lasso di tempo studenti e scolari non resteranno inerti. Le attività scolastiche non si fermeranno, bensì continueranno in modalità on line con l’adozione della didattica a distanza al 100%.

La scuola in presenza è fondamentale per l’istruzione e la formazione dei nostri giovani, ma altrettanto importante è garantire la salvaguardia di tutti coloro che operano o ruotano nel mondo della scuola.
Il rientro in classe è previsto per il prossimo 4 febbraio.

Continuano a restare chiusi anche centro diurno e ludoteca.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.