“Sciampagna. Lo spumante classico italiano”, in un libro un viaggio effervescente

123

“Sciampagna. Lo spumante classico italiano”, il volume curato da Giampaolo Zuliani e coordinato da Alice Lupi, sarà in tutte le librerie il 28 aprile prossimo. Il lavoro, che sarà presentato in anteprima il 2 aprile al Vinitaly di Verona, edito da Marcianum Press vede i contributi di: Sabrina Aureli, Cristina Baglioni, Marzio Berrugi, Lorenzo Boscherini, Mariella Dubbini, Pierdario Fasciano, Gianfrancesco Innocente, Alice Lupi, Monica Mancini, Antonio Mazzitelli, Raffaella Mosca, Paolo Peira, Andrea Posani, Enrico Zamboni e Giampaolo Zuliani.

C’era una volta, e c’è ancora, la Sciampagna, quella parte dell’Italia enologica che da oltre un secolo si dedica alla produzione di vini rifermentati in bottiglia.
Prendendo le mosse dalla sua storia e dai luoghi enografici originari, gli autori del libro “Sciampagna. Lo spumante classico italiano” hanno intrapreso un viaggio effervescente dedicato al metodo classico italiano.
Le tappe del percorso conducono poi i lettori alla scoperta dei tratti enologici caratteristici dei processi di spumantizzazione sino ad arrivare all’indagine degli aspetti sensoriali naturalmente presenti in questo vino speciale. Il viaggio prosegue verso la ricerca dei principi tecnici dell’abbinamento cibo–vino fino ad approdare ad esempi pratici con preparazione di alta cucina.
Il mondo degli enogrammi delle bottiglie del vino effervescente (tappi, etichette…) sono tratti eloquenti del panorama contemporaneo dell’enologia italiana, elementi di comunicazione privilegiata che ci aiutano a definire di primo impatto alcune caratteristiche delle etichette.
Il viaggio diviene infine circolare e in un gioco di rimandi e di riflessioni si ritorna ad indagare nella storia che si veste dei colori della pittura settecentesca di Jean-François De Troy e Nicholas Lancret fino a giungere alla musica di Giuseppe Verdi che con le sue note rimanda subito alla Bella Époque.
Il tempo che scorre è incapace di far sfiorire l’appeal che le bollicine esercitano sui degustatori. In questo gioco continuo di seduzione emerge chiaramente il nesso indissolubile tra effervescenza e festa.
Il lavoro è stato curato da Giampaolo Zuliani che ha disegnato il percorso di indagine attraverso una mappa non precostituita, ma che è naturalmente lievitata durante i primi abbozzi di scrittura.
Il quadro complessivo che emerge si compone di piccoli frammenti come un mosaico ricco di tessere diverse ma che riflettono le medesime luci a cui tendono: raccontare un nuovo vino, unico e distintivo.
Lo spumante classico italiano, figlio sì del nobile Champagne, ma che è riuscito a definirsi nel tempo con un proprio carattere ed una propria identità visibile in particolare nei luoghi più vocati della spumantistica italiana.

In pre-order su Amazon: http://bitly.ws/BYGJ


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteEndometriosi, una panchina gialla al liceo “Rita Levi Montalcini” per saperne di più sulla patologia
Articolo successivoScuola, Di Cocco: «Tanti slogan, ma bisogna farsi trovare pronti e intervenire dove c’è più bisogno»
Giornalista, organizzatrice oltre che conduttrice di eventi e uffici stampa. Laureata in Lettere. Ho mosso i primi passi in radio e vi sono rimasta per 14 anni e mezzo. Per cinque anni Ufficio Stampa del Comune di Latina. Ho attraversato tutti i mezzi di comunicazione: radio, tv, cartaceo, on line (ci vorrebbe troppo spazio per elencare tutte le testate!). Sono una lettrice accanita e scrivo per passione racconti gialli e noir. Perché News-24.it? E’ fresco, veloce e non ci sono fake-news.