Siccità: Il decalogo per non sprecare acqua

14

In Italia (ma non solo) siamo alle prese con un caldo record, e gli esperti non escludono che questa possa affermarsi come l’estate più calda di sempre. Alle alte temperature si associa anche una forte crisi idrica, dovuta alle scarse piogge, calate di oltre il 75%, che hanno portato molte regioni a dichiarare lo stato di calamità naturale.

Con il cosiddetto “Decreto Siccità” è stato dichiarato lo stato d’emergenza per le prime 5 regioni, Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte, Friuli-Venezia Giulia e Veneto. Ma la situazione continua ad essere critica.

“Siamo di fronte ad un’emergenza seria, e i continui roghi registrati nelle ultime settimane in molte città, come Roma, non fanno altro che peggiorare le cose. – Commenta Barbara Molinario, Presidente di Road to green 2020, associazione per la promozione della sostenibilità ambientale – Serve il contributo attivo di tutta la popolazione. Non sprecare e riutilizzare l’acqua devono essere gli imperativi della nostra vita quotidiana in un simile momento di crisi. Un uso razionale dell’acqua è l’unico modo per cercare di preservare questa importante risorsa naturale, e a volte bastano piccole accortezze, come chiudere l’acqua mentre non la utilizziamo, ad esempio mentre ci facciamo la barba o ci insaponiamo in doccia, o laviamo i denti, fa risparmiare fino a 8 litri di acqua al minuto. Ma la maggior parte dell’acqua che utilizziamo – da quella per cuocere gli alimenti, a quella degli acquari, fino ai condizionatori – può avere altri usi. Conoscerli può contribuire a ridurre il numero di litri di acqua utilizzati quotidianamente”.

Road to green 2020 ha, quindi, deciso di diffondere un decalogo di buoni comportamenti, volti a ridurre notevolmente l’utilizzo di acqua e abbattere lo spreco:

1. Non buttare l’acqua di cottura di pasta e riso, ma riutilizzarla, ad esempio, per lavare i piatti. Se fatta raffreddare può essere usata per innaffiare le piante, purché non vi sia stato aggiunto il sale. L’acqua di cottura di riso, inoltre, è un’ottima base per impacchi lucidanti per i capelli, mentre quella della pasta è utile per preparare un pediluvio per gambe stanche;

2. Quado cambi l’acqua dell’acquario, non gettarla via! È ricca di Sali e minerali, che la rendono un nutrimento perfetto per le tue piante;

3. Quando lavi frutta e verdura procedi rimuovendo prima con un panno la terra e le impurità, poi lava tutto insieme in una bacinella con acqua, che poi userai per il giardinaggio;

4. Lava meno i capelli. Può sembrare impossibile con questo caldo, ma cerca di raccoglierli o acconciarli in modo da sentire più fresco e mascherare il fatto che non siano pulitissimi. Riuscire ad allungare anche solo di uno o due giorni le tempistiche può fare davvero la differenza;

5. Non sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie. Si tratta di uno spreco di acqua. Per le cose più sporche, passa una retina o lasciale in ammollo tutte insieme, magari nell’acqua di cottura della pasta;

6. Se lavi i piatti a mano, prepara l’acqua saponata in una bacinella senza esagerare con le quantità, immergendo le cose un poco alla volta. Non sciacquare le stoviglie una ad una sotto il getto d’acqua, ma tutte insieme, così l’acqua colpirà anche le cose sotto la pila, riducendo il quantitativo di acqua richiesta;

7. Avvia lavastoviglie e lavatrice sempre e solo a pieno carico. Per la lavatrice puoi utilizzare anche i foglietti “acchiappa colore”, che ti permetteranno di mettere nello stesso lavaggio indumenti chiari e colorati;

8. Recupera l’acqua del condizionatore o del deumidificatore e utilizzala per il ferro da stiro o per lavare a mano i capi delicati, o i vetri o i pavimenti;

9. Se hai una piscina, anche di quelle piccole per bambini, coprila con un telo per evitare che ci cadano dentro foglie e sporcizie, e cerca di ridurre al minimo il cambio dell’acqua;

10. Installa in casa un kit anti-spreco d’acqua: riduttori di flusso e rompigetto ai rubinetti, doppio pulsante per lo scarico del wc e il soffione per doccia a risparmio idrico.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.