Sono stati giudicati col rito abbreviato e condannati i cittadini di origine indiana accusati di violenza sessuale nei confronti di un bambina di soli 12 anni a Fondi.

Il gip ha condannato Singh Lovepreet, 37 anni, a sette anni di carcere a fronte di una richiesta da parte del pubblico ministero Antonio Sgarrella di otto anni mentre Singh Tajinder, 41 anni e Singh Gurnwinder di 37 anni sono stati condannati a quattro anni di carcere ciascuno così come aveva chiesto l’accusa.

Lovepreet avrebbe approfittato della situazione per costringere la bambina ad un rapporto sessuale completo mentre i due complici avrebbero “vigilato affinchè i familiari della vittima non uscissero dalle proprie stanze e avvisandolo in tal caso con uno squillo sul cellulare”.

La piccola sarebbe anche stata minacciata di ritorsioni in caso avesse denunciato l’accaduto.

Ma la piccola ha mostrato grande coraggio raccontando quello che era accaduto alla madre, la quale aveva presentato una denuncia.

I fatti per i quali gli imputati sono stati rinviati a giudizio risalgono al marzo scorso quando, in pieno lock down, i tre erano ospiti a casa di alcuni connazionali.

I tre uomini sono stati arrestati lo scorso 22 ottobre. Oggi, come detto, la condanna.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.