A Latina nel 1953 aprì una fabbrica di betacarotene, poi è fallita.

62

IN VIA PIAVE, a Latina, il 25 maggio del 1953 è stata posta la prima pietra per la produzione di betacarotene da parte della società Molini Conselvan. Grande euforia per l’avvenimento alla presenza di Pietro Campilli, potente ministro democristiano dell’epoca, e del presidente della Cassa per il mezzogiorno Ferdinando Rocco che aveva finanziato l’iniziativa con 180 milioni. Uno stabilimento unico in Europa con tante speranze di successo sul piano commerciale e dell’occupazione, una sostanza vitaminosa derivata dalle carote era vera innovazione. Nel 1956 dopo alterne vicende il Tribunale di Latina ne decretò il fallimento. Al posto di quella azienda sorse la Svar – specializzata nella produzione di segnali stradali – poi trasferita negli anni novanta nel comune di Sabaudia in una nuova costruzione per fare posto a una lottizzazione mai realizzata. E’ ancora possibile guardare la pianta delle palazzine previste posizionata da un gruppo di imprenditori pontini su un cartello in mostra su via Piave. L’area è stata da tempo bonificata vista la presenza di pericolose vernici.
Il beta-carotene è un pigmento arancione contenuto in molte varietà di frutta e verdura a cui conferisce un colore che varia dal giallo al rosso. Ne sono particolarmente ricchi frutti come le albicocche, i cachi, i meloni, le pesche, le arance e verdure come le carote, i pomodori, la zucca gialla, i peperoni rossi ma anche verdure a foglia verde come gli spinaci, i broccoli, le rape e la cicoria.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteUna notizia ha travolto e sconvolto il mondo della palla a spicchi laziale tre anni orsono
Articolo successivoC’ è Chi Soffia Sul Fuoco : i neofascisti di Forza Nuova provocano scontri a Roma contro la Polizia
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.