Condannato ad 1 anno e 6 mesi il ristoratore che palpeggiò la bella giornalista. Ora Greta Beccaglia doni i soldi del risarcimento ai centri antiviolenza

337

LATINA- 1 anno e 6 mesi, con la sospensione del carcere (bontà loro!), oltre a centinaia di migliaia di euro a titolo di “risarcimento”.

E’ la pena inflitta in primo grado al ristoratore marchigiano Andrea Serrani, che il 27 novembre 2021 palpeggiò la giornalista Greta Beccaglia.

Esterno dello stadio “Castellani” di Empoli. Si gioca la partita Fiorentina – Empoli. La cronista Beccaglia è in collegamento per l’emittente Toscana Tv.

Il ristoratore si avvicina e la sua mano sfiora il lato b della bella Greta.

Un atto di evidente goliardia – squallida e di cattivo gusto un po’ come gran parte del tifo da stadio – è stato ritenuto dai giudici una violenza sessuale vera e propria.

Sul tema la giurisprudenza ha molto dibattuto: nel 2016 gli ermellini hanno stabilito che, per classificare il palpeggiamento al pari di una effettiva violenza sessuale, occorre valutare il modo in cui la mano del “reo” tocca il corpo femminile, se con il palmo o con il dorso. Molto dipende anche dalla durata del contatto, se prolungato o fugace.

Sul tema la schizofrenia dei giudici è evidente: se il povero Serrani è stato condannato e sputtanato a reti unificate ( il Pm aveva chiesto sei anni di galera!), giorni fa Simona Panzera, giudice del tribunale di Lecce, ha archiviato la posizione di un 51 enne accusato dello stesso reato ai danni di una commessa.

Occorre attribuire alla violenza sessuale e non solo (quella psicologica è più subdola e non meno dolorosa) il suo giusto significato, sul piano sociale culturale e giudiziario.

Non può essere messo sullo stesso piano, infatti, il caso di un tifoso esaltato ed un po’ ignorante che dà una pacca sul sedere con uno degli ultimi casi di femminicidio più violento, quello che ha visto morire Alessandra Matteuzzi. Massacrata, lei sì, da un fidanzato ossessivo.

C’è poi un altro tema che ha a che fare con l’uso ( io direi abuso) che si fa del corpo femminile nelle trasmissioni calcistiche.

Ora, io sto al calcio come Giuseppe Conte alla politica, epperò mi chiedo perché gran parte delle giornaliste tv che si occupano di calcio, rispondano a dei criteri estetici precisi e standardizzati.

Fisici perfetti, sguardi ammiccanti, vestiti da soubrette. Intendiamoci, questo non giustifica nulla che non contempli volontà e consenso della donna, tantomeno una pacca sul sedere, ma c’è un tema di rispetto del femminile che passa anche dalla sua rappresentazione estetica.

C’è una cosa che potrebbe fare Greta Beccaglia: destinare i soldi che le darà il povero ristoratore marchigiano alle associazioni che si occupano di sostenere le donne vittime di violenza.

Quella vera.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteDomani 24esima edizione del concorso “Caro Babbo Natale” a Fondi
Articolo successivoNuovo ospedale di Latina: la Asl approva il progetto di fattibilità, ma ci saranno meno posti letto
Sono laureato in Scienza della Politica con tesi dal titolo: ”L’eccezionale: Storia istituzionale della V Repubblica francese”. Socialista liberale libertario e radicale. Mi sono sempre occupato di politica e comunicazione politica collaborando a campagne elettorali e referendarie. Ho sempre avuto una passione per il giornalismo d’opinione e in News-24 ho trovato un approdo naturale dove poter esprimere liberamente le mie idee anche se non coincidono sempre con la linea editoriale della testata. Ma questo è il sale della democrazia e il bello della libertà d’opinione.