Folla per Salvini in Toscana a sostegno di Susanna Ceccardi

Il leader della Lega ha fatto tappa a Empoli, Pisa e Castiglioncello (LI)

378
la folla per Matteo Salvini a Empoli

Nonostante la sfida delle regionali toscane, per molti, sia già chiusa, il tour toscano di Salvini sembra far credere il contrario. Sceso nella rossa Toscana alla ricerca del miracolo elettorale, il nome che la Lega ha scelto per scrivere la storia è quello di Suasanna Ceccardi e il segretario del carroccio è fiducioso riguardo l’esito delle elezioni.
Come prima tappa il Matteo padano ha scelto Empoli, nella Città metropolitana di Firenze. La piazza, nonostante il caldo e l’afa di agosto non ha frenato i supporter che l’hanno riempita.
“Non ci sono fascisti ma italiani orgogliosi”, dice Salvini facendo i conti con l’impianto audio che ha problemi  funzionare. Poi non risparmia la critica ai suoi avversari diretti, il PD targato Eugenio Giani, sottolineando:“Il PD ha i soldi, noi abbiamo voi”. In piazza c’erano anche i contestatori che avevano annunciato la loro presenza. Circa 200 che sulle note di “Bella ciao” hanno gridato: “Empoli antifascista” e “Salvini, Empoli ti ripudia”.

Dopo l’afa della piana fiorentina Salvini si è spostato sulla costa, dirigendosi a Pisa, dove ha fatto tappa anche nelle località marittime del capoluogo pisano.

“Qua per andare in spiaggia si chiede la mascherina, a quelli che sbarcano a Lampedusa chi la chiede la mascherina? E il distanziamento, i sacrifici, l’attenzione, vanno in mezzo agli ombrelloni a vedere se c’è un metro, un metro e mezzo tra un ombrellone e un ombrellone, tra un po’ ti chiedono, quando esci dall’acqua, perché ti sei tuffato senza mascherina e hanno fatto sbarcare 15mila balordi che sono in giro per l’Italia a fare casino e a portare virus e confusione. Che regola è?” Così ha tuonato di fronte ad una Pisa partecipativa e ormai a trazione leghista, vero centro del leghismo in Toscana. difatti, oltre al sindaco Michele Conti, Susanna Ceccardi è di formazione Lega pisana, essendo stata la prima sindaca del carroccio in regione (a Cascina, in provincia di Pisa).
Ha poi aggiunto:“Con tutti i problemi che ha l’Italia sapete qual è la priorità del PD e dei Cinquestelle in Parlamento nelle prossime settimane? La legge bavaglio sulla cosiddetta omofobia. Lo Stato meno fa meglio è -ha aggiunto- e non entra in camera da letto.  Ognuno a casa sua fa quello che vuole, con chi vuole, quando vuole senza che sia lo Stato a doversene occupare, senza che nessuno debba essere discriminato per le sue scelte sentimentali e familiari. Però mi fa paura una legge che processa qualcuno che sostiene il diritto del bambino ad avere una mamma e un papà, non è discriminazione, il bimbo ha bisogno della mamma e del papà, gli adulti facciano quello che vogliono ma non paghino i bambini l’egoismo degli adulti”.

“Giù le mani dai bambini e voglio poterlo dire -ha concluso Salvini- senza andare a processo, va be’ che ce ne ho altri, quindi uno più uno meno, però è una questione di principio, di cultura, di libertà, di democrazia”.

Sottolineando ancora una volta la sua chiusura alle famiglie arcobaleno e il sostegno alla cosiddetta “famiglia tradizionale”.

Sempre accompagnato dalla candidata Susanna Ceccardi (che però non era centro delle attenzioni di giornata) e dal deputato alleato Giovanni Donzelli, toscano doc, il segretario della Lega ha concluso la giornata a Castiglioncello, località balneare della provincia livornese, dove un nutrito numero di persone l’ha accompagnato lungo una passeggiata per il paese.

Matteo Salvini a Castiglioncello (LI)

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.