Gemellaggio Gaeta – Frontignan, la visita della delegazione francese in occasione della festività dei Santi Cosma e Damiano

48

Una delegazione di Frontignan, guidata dalla presidente del Comitato di Gemellaggio Frontignan la Peyrade – Gaeta, Rosemonde Artasone/Ziri è da qualche giorno nella città del Golfo per rinnovare un legame fraterno tra la comunità gaetana e quella francese, lungo un quarto di secolo, e presenziare ai solenni festeggiamenti in onore del Santi Cosma e Damiano, che nella giornata di lunedì prossimo, 26 settembre, vivranno il loro momento più alto con la celebrazione eucaristica presieduta da S.E. Mons. Luigi Vari, Arcivescovo di Gaeta.

“Due comunità – commenta il Sindaco Cristian Leccese – che in occasione della ricorrenza dei Santi medici, rinsaldano i loro già ottimi legami di amicizia. La presenza a Gaeta della Presidente Rosemonde Artasone/Ziri accompagnata dalla Sig.ra Daniela Forestier, dimostrano l’attaccamento alla nostra terra e alla comunità che in questi giorni si ritrova in preghiera per celebrare i Santi Cosma e Damiano. La loro presenza in città ci rallegra molto ed è occasione per predisporre una serie di iniziative che vedranno collaborare le due città e rivolte, in particolar modo, ai nostri giovani i futuri protagonisti del gemellaggio che quest’anno festeggia i 25 anni dalla sua storica firma il 21 agosto 1997. Da allora – aggiunge il primo cittadino – Gaeta e Frontignan hanno condiviso un percorso comune basato sullo scambio culturale che ci permette oggi di proseguire un cammino consolidato nel tempo grazie anche alla perseveranza delle rispettive amministrazioni comunali e della Presidente Rosemonde Artasone/Ziri e dei componenti dei comitati di gemellaggio. In questi tempi, più che mai, abbiamo bisogno di un legame fraterno tra i popoli e le comunità che condividono, come nel nostro caso, una storia comune che ancora oggi viene raccontata dai discendenti di coloro che lasciarono la nostra terra per cercare fortuna e che giunsero anche sulla costa francese dell’Occitania. Nel lasciare Gaeta, i nostri avi, hanno portato con loro non solo la speranza in un futuro migliore ma soprattutto quel legame religioso e spirituale che ancora oggi persiste come nel caso della devozione nei confronti di Maria Santissima di Porto Salvo e dei Santi Cosma e Damiano. Quest’anno, inoltre, la nostra comunità è in grande festa in quanto ricorre l’anniversario del 1025mo anno di istituzione della parrocchia dei Santi Cosma e Damiano in Gaeta”.

Come infatti riportato nel Codex Diplomaticus Cajetanus, nell’anno 997 l’allora Bernardo, Vescovo di Gaeta, decretava dal notaio Lordemanno il mandato di ricostruire la chiesa dei Santi Cosma e Damiano situata nell’antico borgo della città, dopo la sua precedente distruzione ad opera dei Saraceni nell’844. Tale data non fa riferimento alla fondazione della parrocchia come ente religioso ma alla consacrazione di una chiesa in cui esisteva già una comunità cristiana. Il fatto che ci sia stata una ricostruzione dopo la distruzione implica la sua esistenza almeno prima delle scorrerie saracene, per cui è lecito presupporre la presenza di una comunità dedicata ai Santi Medici già prima di tali eventi. Tuttavia, non essendoci in merito ulteriori riferimenti storici, nel tempo il 997 è diventata la data convenzionale in cui la comunità celebra nel mese di settembre una presenza che si può equiparare alla creazione della parrocchia.

“Occasione migliore pertanto non poteva esserci – conclude il Sindaco Leccese – per accogliere nella nostra comunità le amiche Rosemonde e Daniela in attesa di ospitare prossimamente a Gaeta il Sindaco di Frontignan, Michel Arrouy, per festeggiare insieme il 25° dell’anniversario del gemellaggio tra le nostre città”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteAlla vigilia del voto, le informazioni utili e la situazione livornese
Articolo successivoIl cielo e la terra: (seconda parte)