Gestione spese per il personale: Livorno al 6° posto nella classifica dei capoluoghi italiani più virtuosi e al 1° posto in Toscana

Ottimi risultati per il Comune di Livorno

32
Comune di Livorno

LIVORNO – Nel corso della conferenza è stato comunicato che il Comune di Livorno è risultato al 6° posto nella classifica dei capoluoghi di provincia italiana più virtuosi nella gestione delle spese per il personale, e al 1° posto in Toscana.

Il report è stato realizzato per l’agenzia AdnKronos dalla Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, nell’ambito del progetto “Pitagora”, e prende in esame sia l’oculatezza nella gestione delle spese per il mantenimento degli uffici e delle loro strutture, sia la capacità di destinare adeguate risorse per gli stipendi e il lavoro straordinario del personale, in base ai costi sostenuti nel 2020.

In particolare, al Comune di Livorno la ricerca ha assegnato il rating AA per le “Voci stipendiali corrisposte al personale a tempo indeterminato”, un rating A per le “Voci stipendiali corrisposte al personale a tempo determinato”, e un eccellente AAA per lo “Straordinario per il personale a tempo indeterminato”.

Per gli stipendi al personale a tempo indeterminato nel 2020 il Comune ha speso oltre 22 milioni di euro, per il personale a tempo determinato quasi 685mila euro, e per gli straordinari 175mila euro.

Risorse importanti per l’economia della città, e che hanno consentito la sostenibilità di un importante piano assuntivo tramite concorsi banditi per tutti i profili professionali, oltre al completamento del quadro dei dirigenti e delle posizioni organizzative che compongono la struttura comunale.

La classifica dei capoluoghi della Toscana vede quindi Livorno al primo posto con il rating complessivo AAA, seguono Prato e Massa con AA, Firenze e Arezzo BBB, Pisa e Pistoia BB, Siena B, Grosseto e Lucca NC (spese non confrontabili) .

Lo studio ha preso in considerazione anche le spese per il personale sostenute dalle amministrazioni regionali: buon piazzamento per la Toscana, che rientra tra le 9 regioni che nel rating si sono viste assegnare almeno una “A”.

Le classifiche complete possono essere consultate sul sito dell’AdnKronos https://bit.ly/3KLTurr


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteEntro la fine del 2022 saranno circa 450 i nuovi assunti in Comune in soli tre anni
Articolo successivoGli appuntamenti nei musei livornesi per domenica 27 marzo, ecco il programma. Visite guidate per bambini e adulti ai musei civici