Giornata del Malato, Locatelli ” Ogni persona deve essere rispettata ” Papa Francesco ci ricorda quanto siano importanti la comunità, la solidarietà e la condivisione

27

Stiamo lavorando con passione e determinazione per restituire dignità e speranza ai pazienti del Lazio, specialmente a quanti vivono in territori troppo spesso dimenticati.

Dobbiamo recuperare gli anni della mancata programmazione, degli sprechi e della cattiva gestione e fare in modo che nessuno, in questa Regione, debba sentirsi solo nell’affrontare il dolore e la sofferenza di una malattia che colpisca se stesso o una persona cara. Così Francesco Rocca.

«Non è bene che l’uomo sia solo» (Gen 2,18). Fin dal principio, Dio, che è amore, ha creato l’essere umano per la comunione, inscrivendo nel suo essere la dimensione delle relazioni. Così, la nostra vita, plasmata a immagine della Trinità, è chiamata a realizzare pienamente sé stessa nel dinamismo delle relazioni, dell’amicizia e dell’amore vicendevole. Siamo creati per stare insieme, non da soli. E proprio perché questo progetto di comunione è inscritto così a fondo nel cuore umano, l’esperienza dell’abbandono e della solitudine ci spaventa e ci risulta dolorosa e perfino disumana. Lo diventa ancora di più nel tempo della fragilità, dell’incertezza e dell’insicurezza, spesso causate dal sopraggiungere di una qualsiasi malattia seria.

Penso ad esempio a quanti sono stati terribilmente soli, durante la pandemia da Covid-19: pazienti che non potevano ricevere visite, ma anche infermieri, medici e personale di supporto, tutti sovraccarichi di lavoro e chiusi nei reparti di isolamento. E naturalmente non dimentichiamo quanti hanno dovuto affrontare l’ora della morte da soli, assistiti dal personale sanitario ma lontani dalle proprie famiglie.

“L’11 febbraio ricorre la Giornata Mondiale del Malato. In questa occasione voglio ricordare con convinzione che una Persona non può essere solo identificata con la propria malattia, una Persona è una Persona e deve essere rispettata e trattata con dignità sempre. Avere una malattia non significa dover vivere solo di cure e di medicine”. Così su Facebook il ministro per le Disabilità, Alessandra Locatelli, che aggiunge: “Altrettanto importante è il contatto umano, poter avere qualcuno vicino che ti capisca, che ti possa fare una carezza o tenere la mano, magari che ti faccia pensare ad altro o scambi con te due parole, che semplicemente ti parli, anche quando sembri distratto, assente, dolorante o non cosciente, ma che possa farti sentire la sua presenza. La voce e il calore umano sono gli alleati migliori per la cura. Serve attenzione e umanità per prendersi cura di qualcuno, in qualsiasi ruolo si svolga questo compito. Questo è l’impegno più grande ed è anche il valore più profondo della cura, in tutti i suoi aspetti, in tutte le sue fasi, per quanto possa essere una malattia lunga o dolorosa, fino alla fine la vicinanza e l’affetto possono essere parte della speranza e della forza per la Persona, e anche nelle situazioni meno critiche non bisogna sottovalutare l’emotività, la percezione di chi si ammala e potrebbe avere paura. Papa Francesco in occasione di questa ricorrenza, ha citato una frase della Sacra Bibbia: ‘Non è bene che l’uomo sia solò e colgo l’occasione per abbracciare di cuore tutti coloro che si prendono cura dei propri cari in qualsiasi situazione e anche per ringraziare chi lo fa per mestiere e lo fa con pazienza, dedizione e amore”, conclude.

Alessandra Trotta

(Giornalista e scrittrice)


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteGabriele Carraroli (Centro Fitness Montello) vince la Gaeta-Formia, classica del podismo pontino
Articolo successivoAl via i lavori di rifacimento di via Prampolini e via del Prato.