Il dottor Vincenzo Calabresi era il farmaco giusto per guarire e gioire

1207

Il dottor Vincenzo Calabresi – per gli amici Enzino – ci ha lasciato tra il cordoglio generale. Per oltre mezzo secolo ha venduto farmaci e dato consigli a donne e uomini che nella sua farmacia avevano un chiaro punto di riferimento per ogni disagio fisico. Lo conobbi nel 1998 quando divenni socio del Panatlhlon Club International di Latina, lui ne faceva parte da tempo. Stabilimmo subito un rapporto di reciproca simpatia, era profondamente umano e modesto, con quel garbo che solo gli uomini di una volta conservano. Nel suo
lavoro in via Romagnoli Enzino ha lasciato l’impronta di una presenza appassionata e di una capacità di analisi serena, obiettiva e positiva. Per chi lo ha frequentato e stimato rimane il ricordo di un uomo carismatico e professionale che ti appassionava con racconti di una vita trascorsa intensamente. Farmacista esperto e instancabile, ha lavorato nella sua farmacia fino a pochi mesi fa, dando prova della sua esperienza anche durante la pandemia. Camice bianco impeccabile e sorriso benevolo, il dottore ha passato la vita ad ascoltare i clienti che lo consideravano un amico di sicuro affidamento. Il dottor Calabresi era un farmacista che sapeva dare i consigli giusti, dall’alto della sua preparazione capiva le cose in poco tempo. Da lui sono andate intere generazioni di famiglie di Latina e dintorni, un punto di riferimento essenziale tra l’immancabile taglierino e le etichette da applicare.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteICOT : Convegno sulla sanità diffusa sul territorio per migliorare la qualità e l’offerta
Articolo successivoLA BENACQUISTA ASSICURAZIONI LATINA BASKET DIMOSTRA IMPEGNO E ABNEGAZIONE ANCHE CONTRO UN AVVERSARIO DIFFICILE COME NARDO’.
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.