Il Lazio da scoprire, la millenaria Acropoli di Civitavecchia di Arpino

141

Nei ponti di primavera i vacanzieri stanno scoprendo posti poco conosciuti ma straordinari, ricchi di storia. E’ il caso delle mura ciclopiche di Arpino, dipartono dall’acropoli di Civitavecchia – borgo antico con cento abitanti – all’altezza di 627 metri e scendono giù fino ad abbracciare l’altura di Civita Falconara. Esse non hanno fondazioni e sono costituite da enormi monoliti di puddinga del pleistocenico. La muraglia, in origine, si estendeva per 3 km, ma oggi ne rimangono circa 1,5 km,. Di notevole interesse l’Arco a Sesto Acuto, porta arcaica d’ingresso all’Acropoli. Questo monumento – unico al mondo – è alto 4,20 metri ed è formato da blocchi sovrapposti che si restringono verso la cima, tagliati obliquamente sul lato interno. Di notevole interesse la “Torre di Cicerone“ simbolo medioevale del luogo – visitabile per i turisti. Un gioiello settecentesco è la chiesa della S.S. Trinità, di stile romanico con pianta a croce greca. Interessante la chiesa di San Vito del XVI secolo, con all’interno una preziosa tela del noto pittore Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d’Arpino, maestro del Caravaggio. Uno splendido Belvedere permette a Civitavecchia di ammirare un panorama incantevole, dopo aver percorso l’affascinante passeggiata tra vicoli e botteghe di artigiani locali.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteSalvetti: “Il Ministro riveda il suo parere sull’accesso gratuito alle Secche della Meloria”
Articolo successivoNOGAROTTO (CANDIDATA PD): “MODIFICARE IL CRITERIO DEI REGISTRI ELETTORALI PER TUTELARE I DIRITTI DELLE PERSONE TRANS”
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.