jago
Jago. The exhibition
Jago
Jago – Look down

Jago è la rockstar della scultura. In Italia è molto noto per “Look down” l’opera installata nella notte in piazza Plebiscito a Napoli a novembre del 2020. Si trattava di un bambino adagiato, di fianco, in posizione fetale, al centro della piazza, la catena che ancorava il bimbo alla pavimentazione simboleggiava il cordone ombelicale. L’artista aveva voluto creare un’assonanza con il lockdown, la misura adottata in tempi di Coronavirus, che aveva provocato l’azzeramento della socialità.

Jago è questo: non è solo uno scultore, è un comunicatore, comunica il nostro tempo. Conosce la storia ma è artista del presente. “…La mia scultura è lingua viva. Utilizzare una lingua non significa copiarla. Mi riconosco in un linguaggio e lo adotto: sento l’esigenza di realizzare un collegamento con quello che vedo, senza spirito di emulazione. Sono me stesso”.

Jago. The Exhibition

Jago, figlio velato
Jago – figlio velato

Palazzo Bonaparte a Roma ospita dal 12 marzo al 3 luglio 2022 la prima grande mostra dedicata a Jago. L’evento riunisce una serie di opere realizzate fino ad oggi. Non solo questo, Palazzo Bonaparte si trasforma inoltre in uno studio d’artista: durante i mesi di mostra Jago lavorerà alla sua prossima imponente scultura all’interno della sede espositiva.

Vero, vivo, umano. Jago entra nell’animo di chi guarda le sue opere, nutre lo spettatore. Le sue opere a loro volta si arricchiscono della carica emotiva di chi le guarda. Il suo gesto d’amore verso il blocco di marmo è evidente, Jago trasmette energia, flusso vitale.

Una mostra che regala emozioni. Scolpita con un unico blocco di marmo, Figlio Velato è una delle opere presenti in mostra. Ispirata al Cristo Velato di Napoli, rappresenta un bambino disteso, coperto da un velo e racconta una storia di dolore e speranza.

Pietà è un altro esempio dei capolavori esposti. Una rielaborazione in chiave moderna di un momento di raccoglimento e dolore, i canoni dell’episodio biblico sono invertiti. La drammaticità del volto di un padre che raccoglie, tra le sue braccia, il corpo inanimato di sua figlia adolescente.

Jago è la rockstar della scultura

Jago - dettaglio della Pietà
Jago – dettaglio della Pietà

Jago, pseudonimo di Jacopo Cardillo, classe 1987 è uno scultore potente attento e universalmente noto come “The Social Artist” per le innate capacità comunicative e il grande successo che riscuote sui social. Il giovane talento ha il merito di trasmettere l’amore per l’arte ai giovani. Evidente è la sua capacità di arrivare direttamente al cuore del pubblico.

Jago ha una relazione diretta con chi decide di seguirlo: trasmette dirette streaming e documenta foto e video, attraverso le quali coinvolge il suo pubblico sul web. Egli racconta il processo inventivo di ogni opera e il percorso condiviso consente una diretta partecipazione dei suoi followers al singolo passaggio esecutivo.

La sua arte è nelle tematiche del presente, egli suscita provocatoriamente negli spettatori riflessioni sullo status dei nostri tempi.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.