Uno degli episodi che hanno portato Latina sulle cronache di molti mass media europei si è verificato a Le Ferriere nel 2000. A Santa Maria Goretti (originaria di Corionaldo, Ancona) si attribuisce la guarigione miracolosa di Maria Zammit, una donna maltese settantenne residente a Londra, che si recò proprio a Le Ferriere di Conca nel luogo in cui si sparse il sangue di Maria Goretti nel 1902, uccisa da Alessandro Serenelli. E’ stato il giornalista pontino Romano Rossi a divulgare la notizia.

Lì Maria Zammit pregò e ne uscì senza le stampelle che le servivano per poter camminare.

La signora era malata, da quando era ragazza, di artrite cronica. La malattia provocava sofferenze alle ginocchia, era stata portata a braccia fino alla stanza del martirio: “Ci sono state volte in cui ho sofferto così tanto che ho pregato di morire”.

“Dopo essere andata alla casa di Maria Goretti ho scoperto che ero in grado di camminare, mi ha cambiato la vita, è stato un miracolo“. Così disse Maria Zammit.

Il processo per il riconoscimento ufficiale del miracolo di Santa Maria Goretti è stato avviato. Monsignor Renato di Veroli, per molti anni parroco della chiesa di Santa Maria Goretti a Latina – deceduto qualche anno fa – portavoce della Congregazione per la Causa dei Santi, ha esaminato il referto medico relativo al caso della pellegrina Maria Zammit.

L’iter sarà molto lungo ed elaborato, si deve accertare che la guarigione sia avvenuta senza l’aiuto di farmaci, in maniera inspiegabile per le conoscenze mediche a disposizione.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteIl Covid non fa distinzioni : Il contagio si allarga anche ai figli di Berlusconi, Luigi e Barbara
Articolo successivoNasce il I° congresso delle associazioni canili- Lunedi 20 settembre a Latina
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.