“La statua l’abbiamo messa noi, proprietari del bar Dolce Paradiso, scrive Carla Cavazza in un post, … noi che puliamo la fontana e compriamo a spese nostre disinfettante x santificare ( lapsus freudiano. Ha scritto proprio così! Ma sicuramente voleva dire sanificare, ndr) tutta la piazzetta. La Madonnina l’abbiamo messa noi e se qualche male intenzionato la rompe o la toglie siamo pronti a rimetterla. In questo momento la fede è l’unica cosa che può aiutarci in questo momento. Scusate ma volevo farvi sapere il mio pensiero. Grazie”.

Mistero risolto? O inizio di un vero “mistero”? Da quando sul lungomare è “apparsa” questa madonnina, Latina sta facendo parlare di se’. Tanto che non manca chi grida al miracolo…. oggi sono andata a visitare la madonnina. La nostra madonnina, scrive più di qualcuno con inconfutabile certezza.

Il dibattito è animato. C’è chi la vorrebbe togliere subito e chi vorrebbe tenerla là. E c’è per fortuna anche chi ironizza: “Dopo un’estate a sentirsi invocare dai cittadini ammassati sulla spiaggia sarà scesa a vedere come va”.

E ancora: “Già quella fontana è degna del più scintillante lungomare di Bucarest (qualora ne avesse uno), adesso la madonnina alla fine degli spruzzetti è il tocco di classe finale”.

Il dialogante si rivolge direttamente alla signora Cavazza: “ qui la religione non dovrebbe entrarci e, a parte la fede, è un’assurdità estetica. Non credo che avere cura di un bene pubblico, per quanto meritevole, autorizzi ad installare una statua. Le vostre intenzioni sono molto belle ma non penso sia corretto”.

“E’ un obbrobrio, è orribile è di cattivo gusto! Abbiamo bisogno di arte, bellezza e creatività non di queste cose!” è il pensiero di chi vorrebbe rimuoverla.

Il provocatore laico: “Perchè non mettere allora le statue dei sette nani sul tetto di palazzo M?”

Torna il paziente, che in maniera pacata, afferma:

“Aldilà della religiosità o meno, non mi sembra un posto idoneo per posizionare una immagine sacra. Nel progetto originale non c’era sicuramente, quindi non andava messa. Mi chiedo anch’io chi l’abbia posizionata, con quali permessi, e se ci fossero, chi li ha concessi e perché. Mi piacerebbe conoscere il parere del progettista Portoghesi.”

Perchè lo dobbiamo chiedere a Portoghesi? Chiediamolo invece al Comune. Non sembra infatti che ad un mese e più da questa “apparizione” nessuno di quel palazzo, abbia detto nulla.

Aspettano forse che la notizia varchi i confini della provincia e comincino ad arrivare qui orde di pellegrini su autobus gran turismo e riempiano finalmente il nostro solitario e bistrattato lido? Oppure pensano che finalmente questo luogo tanto contestato e dibattutto si valorizzerebbe agli occhi di tutti al punto tale che l’anno prossimo, le nostre spiagge, i nostri hotel e le nostre case potrebbero registrare un pienone mai avuto?

Questo si che sarebbe un “miracolo”. Il vero miracolo, di tutta questa storia.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteSabaudia. Un solo caso oggi in città, non cambia il link
Articolo successivoIdentificato il piromane di Firenze
Mariassunta D'Alessio
Giornalista, scrittrice e blogger, con parecchi anni di giornalismo alle spalle. Ho iniziato a Latina Oggi, giornale appena nato e poi al Messaggero. Quindi a Roma per più di 20 anni, negli uffici stampa dei Ministri dell'Economia e Finanze e dell'Istruzione, Università e Ricerca. Qui ho diretto la redazione scientifica di Researchitaly, portale della Ricerca Internazionale. Un'esperienza unica quella di Roma, che mi ha portato a vincere importanti premi di giornalismo, come cronista, come miglior addetto stampa nella Pubblica Amministrazione e come scrittrice. L' ultimo è il premio Camilla. Mi occupo di Pari opportunità praticamente da sempre. Ho scritto libri e realizzato interviste a donne e uomini importanti. Fiera di averne fatte tre alla professoressa Rita Levi Montalcini ( compresa l'ultima concessami prima di morire), e poi a Margherita Hack, Umberto Veronesi e tanti altri, scienziati, politici, ministri, etc. Ora eccomi qui, a occuparmi di nuovo della mia città.