L’albero di Natale in Piazza del Popolo? Peggio di “Spelacchio”. Com’era bello quello di Geppino Esposito…

1698

LATINA- Una Immacolata Concezione grigia, qui a Latina.

Passeggio lungo Corso della Repubblica dopo un po’ di assenza, dovuta ad una brutta infezione da cui – lento pede – mi sto riprendendo.

Mi chiedo: chissà se quest’anno ci sarà il bellissimo albero di Geppino Esposito, patron della Stim Group?

Un albero dall’elegante disegno che, in questi anni, ha allietato le feste natalizie. Fra l’altro, l’imprenditore pontino lo ha donato alla città, con il solo onere di montarlo.

Arrivo in Piazza e m’imbatto in un abete, al cui confronto, lo “Spelacchio” di Virginia Raggi poteva dirsi una grande opera decorativa.

Quanto è misero, sgraziato e triste quest’albero che avrebbe dovuto illuminare la principale agorà di Latina!

Chi ha avuto la geniale idea, diciamolo con franchezza, evidentemente non ha nozione di cosa sia la Bellezza ed il gusto estetico che, sempre, prescinde dal fatto economico.

E’ come l’eleganza: al mercato degli stracci si possono trovare, scavando scavando, certi capi d’abbigliamento che farebbero impallidire i manichini delle più grandi boutiques.

Bisogna saper scegliere.

Non c’è nulla da fare, pensare una città non è per tutti.

 

 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePer il Pd di Latina Coletta è già un libro vecchio: De Amicis invoca le primarie per la scelta del candidato Sindaco
Articolo successivoCaro Energia, Leodori : Dalla Regione sostegni per 25 milioni a famiglie e imprese
Sono laureato in Scienza della Politica con tesi dal titolo: ”L’eccezionale: Storia istituzionale della V Repubblica francese”. Socialista liberale libertario e radicale. Mi sono sempre occupato di politica e comunicazione politica collaborando a campagne elettorali e referendarie. Ho sempre avuto una passione per il giornalismo d’opinione e in News-24 ho trovato un approdo naturale dove poter esprimere liberamente le mie idee anche se non coincidono sempre con la linea editoriale della testata. Ma questo è il sale della democrazia e il bello della libertà d’opinione.