Latina, beffata nel finale

60

Latina, avanti per tutta la gara, beffata al photofinish. Passa Treviglio di misura (90-92). La Benacquista Assicurazioni Latina Basket gioca una gara intensa e avvincente, gestisce brillantemente i primi due quarti di gioco, conducendo anche di 22 lunghezze, e rimane avanti nel punteggio fino ai secondi finali, contro la Gruppo Mascio Treviglio, formazione di primissima fascia. In un finale al photofinish, gli ospiti riescono a ribaltare la situazione e a conquistare una vittoria di misura (90-92) che nulla toglie alla buonissima prestazione della squadra pontina.
I nerazzurri hanno combattuto e giocato alla pari, nonostante le rotazioni fossero ridotte per via dell’assenza di Mladenov (bloccato dalla febbre) con una squadra costruita con obiettivi molto importanti e per disputare una stagione di vertice, dimostrando di essere pronti a lottare sempre e fino all’ultimo secondo, non importa quale sia l’avversario. Ben sei gli uomini in doppia cifra per la Benacquista che avrebbe meritato la vittoria per quanto ha espresso sul parquet del PalaBianchini questa domenica.
In questa decima giornata del Campionato di Serie A2 Old Wild West, l’iniziativa #siamotuttinatiprematuri, pensata in occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, organizzata dalla Fondazione Burlo Garofalo, ha visto i capitani delle due squadre in campo, Fall per Latina e Sacchetti per Treviglio, indossare la maglia celebrativa durante il riscaldamento e la presentazione delle squadre.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteFlash mob in piazza, a Latina, per ricordare Giulia Cecchettin e tutte le vittime di femminicidio
Articolo successivoPallavolo Serie A3. Un Sabaudia tutto cuore porta a casa due punti importanti dalla trasferta contro Casarano
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.