Latina di una volta, l’incredibile storia del ristorante Giovannino a Mare di Foceverde

474

Il ristorante Giovannino a Mare a Foceverde, al Lido di Latina, è uno dei punti di ristorazione storici più frequentati con buona cucina e piacevole accoglienza. Lo ha creato il mitico Giovannino Duranti, personaggio indimenticabile che ha contribuito alla crecita turistica della zona. Quando stavo per scrivere il libro Gente di Ponza, andai alle Forna per sapere qualcosa sulla famiglia Duranti che aveva lasciato l’isola in pieno conflitto mondiale.
Vado in un bar dove alcuni vecchietti, amici miei, giocavano a carte. – Vi ricordate di Duranti? Pronta la risposta: – Lascia perde a chill’. Non capisco e cambio bar, trovo un altro gruppo di anziani che conosco bene. Al nome Duranti rispondono bruscamente: Vattenne va’.
Un mistero. Dopo qualche giorno apprendo che i Duranti a Ponza erano due. Uno – veneto di origine – lavorava alla miniera di bentonite Samip, era un bell’uomo alto due metri, così piacente tanto da essere ammirato da molte ragazze. Lui ci provava con tante, era lo spauracchio di mariti allarmati. Ho capito – finalmente – il motivo per cui ne parlavano male dopo tanti anni e lo ricordavano lucidamente.
Giovannino Duranti, quello arrivato sulla spiaggia di Focevede, era un fiumarolo – di fede comunista – del Tevere, approdato a Ponza per amore. Aveva lasciato l’isola in piena seconda guerra mondiale su una barca a remi, in compagnia della moglie, la signora Di Meglio. I primi tempi furono durissimi, decisero di rimanere nel Pontino dove si ambientarono immediatamente. La prima attività comerciale era basata sulla vendita di pollame, poi l’ ottima idea di creare una trattoria con cucina di pesce basata sulla tradizione ponzese.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCovid, tre bambini positivi trasferiti dal Goretti a Palidoro: il più piccolo ha solo 17 mesi
Articolo successivoVolevano 15mila euro da un imprenditore dopo avergli preso le chiavi della macchina: condannati Viola e Travali
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.