Latina è gemellata dal 1995 con la cittadina spagnola di Palos de la Frontera

46

Chi arriva a Latina legge chiaramente sui segnali stradali che il capoluogo pontino è gemellato con Palos de la Frontera. Non se ne parla da anni, è caduto tutto nel dimenticatoio.
L’unione – avvenuta il 15 Marzo ’96 – tra la città laziale e l’antico porto spagnolo di Palos (in latino “palus”) rappresenta un’affinità legata a territori geograficamente simili. Da Palos partì Cristoforo Colombo nel 1492 per conquistare l’America.
Una straordinaria coincidenza che per la città di Latina – anch’essa “olim palus” – va oltre un semplice fatto casuale. La bonifica delle paludi pontine, infatti, ha mostrato le capacità dell’uomo nel saper affrontare e governare le forze della natura.
Nel 1991 il latinense Renato Renato Di Pofi – impiegato comunale – ha vinto il premio mondiale di un concorso fra radioamatori, promosso dalla città di Palos, collegandosi da Latina. I rapporti tra le due città si intensificarono e a marzo 1995 il Sindaco di Latina Ajmone Finestra e una delegazione di consiglieri comunali hanno ufficializzato il gemellaggio incontrando la “Alcaldesa” di Palos de la Frontera, signora Pilar Pulgar Fraile. Tradizionale scambio di doni, incontri culturali, artistici e intese commerciali. Vi hanno partecipato i testimoni del gemellaggio: i sindaci di Bayona, di Santona Lagos Palos. Gli spagnoli hanno poi ricambiato la visita ufficiale arrivando dalle nostre parti carichi di entusiasmo.
Un’esperienza che non ha avuto un seguito. I gemellaggi hanno una grande importanza, un valore eccellente dal punto di vista della visibilità turistica e promozionale. Peccato per Latina e Palos.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteDomenica derby al PalaBianchini tra Benacquista Latina e Rieti nella serie A2 di basket
Articolo successivoSan Felice Circeo. Riprende il servizio di rilevazione della temperatura nelle scuole
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.