Nascite record con 11 bimbi nel giro di 36 ore

Gioia, soddisfazione e grande impegno da parte del personale dei reparti di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale di Livorno

111

LIVORNO – Baby boom nel giro di poco meno di 36 ore al reparto ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Livorno con ben undici nuovi nati. A venire alla luce quasi tutti insieme sono stati: Nilde, Giulio, Armando, Maria, Mathias, Alisya, Nora Sandra, Lucio, Sole, Lia, e Raffaele Baolong. Gioia, soddisfazione e grande impegno da parte di tutto il personale che in un lasso di tempo così breve ha garantito assistenza a tutte le partorienti :“È un segnale di speranza e di fiducia nel futuro – ammette Sergio Abate, direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia di Livorno – che accogliamo con grande piacere. Si tratta di un vero e proprio picco di nascite in un periodo storico come questo, in cui in tutta Italia si registra una costante tendenza a una diminuzione dei parti. Il nostro reparto viene scelto come luogo di nascita anche da parte di molti non residenti e questo è un attestato di fiducia e stima che ci gratifica del lavoro svolto. Un augurio speciale, dunque, a queste nuove famiglie e complimenti da parte mia a tutti i colleghi”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePranzo solidale agli Orti Urbani in ricordo di Lara
Articolo successivoControllo dei Nas nei locali del centro: due multati
Divento giornalista pubblicista nel 2012 lavorando per Il Tirreno per quattro anni e mezzo nella redazione della cronaca di Livorno, in seguito faccio varie esperienze personali sempre volte ad accrescere la mia esperienza professionale. Ho collaborato con più di un giornale on line, guidandone alcuni, ho lavorato come addetto stampa nel campo della politica, dello sport e dello spettacolo, attualmente affianco la professione giornalistica a quella di scrittore.