Operaio di Rosignano arrestato per maltrattamenti verso la compagna, ossessivo e possessivo la picchiava anche di fronte alla figlia

94

ROSIGNANO SOLVAY – I Carabinieri della Stazione di Rosignano Solvay hanno arrestato un 43enne di Rosignano Marittimo, per violenze fisiche e psicologiche, durate anni, nei confronti della compagna.

Le indagini hanno portato alla luce diversi episodi di presunte violenze ad opera dell’uomo che hanno indotto il GIP all’emissione della misura cautelare in carcere.

L’uomo arrestato, un operaio con precedenti di polizia, è accusato di reiterati episodi di violenza fisica e psicologica nei confronti della compagna, una 41enne. I maltrattamenti, dettati dalla forte possessività dell’uomo, sarebbero consistiti in aggressioni fisiche brutali (spintoni, schiaffi in tutto il corpo, pugni e calci), finanche nel cuore della notte e senza ragione, aggressioni verbali con insulti e minacce di morte con un cacciavite puntato, costringendola a fuggire di casa (frasi riportate dal GIP in ordinanza); il tutto sarebbe avvenuto anche alla presenza della figlia minore della coppia e della madre invalida dell’indagato.

Irascibile ed ossessionato dall’idea che la donna avesse relazioni con altri uomini, l’avrebbe costretta a subire ingiustamente accuse di tradimenti e, per questo, continuamente controllata.

La violenza, spesso ancora più incontrollata poiché amplificata dall’uso di sostanze stupefacenti, si è anche manifestata con violenza nei confronti delle suppellettili di casa e talvolta è stata posta in essere per costringere la vittima a consegnargli del denaro.

Dopo l’ennesimo episodio di violenza fisica, ormai stremata dall’insostenibile situazione, la donna si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Rosignano Solvay che hanno subito avviato le indagini e riferito prontamente alla Procura della Repubblica di Livorno. L’informativa dei militari ha illustrato la progressiva escalation di violenze che la vittima non aveva mai avuto il coraggio di denunciare. Ravvisando le esigenze cautelari in ragione della assoluta incapacità di contenersi dimostrata dalla frequenza e qualità delle condotte lesive, dimostrano che l’indagato ha una personalità fortemente distorta e gravemente violenta, in particolare quella carceraria perché persona altamente pericolosa, l’uomo è stato associato alla casa circondariale di Livorno e dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti, lesioni ed estorsione.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.