Un nuovo cartello dell’Asl di Latina è apparso presso l’ex Ipai di Sabaudia, dove si avvisano i cittadini che “il PAT di Sabaudia è una struttura di natura ambulatoriale in grado di assicurare un punto di assistenza territoriale ad accesso diretto alla popolazione inserendosi nella rete propria dell’assistenza primaria al pari degli altri PAT, delle Unità di cure primarie e degli ambulatori di medicina generale da cui mutua le competenze. Al riguardo il PAT assicura visite e prestazioni ambulatoriali non differibili quali:

Asportazione di corpi estranei
Cura degli attacchi d’asma
Cure delle punture d’insetto e le reazioni allergiche circoscritte
Suture e medicazioni di piccole ferite
Trattamento immediato delle più comuni cause di dolore (es. mal di denti, coliche renali)
Trattamento della perdita di sangue dal naso
Trattamento di ustioni cutanee non estese”.

Di seguito, poi, l’avviso tiene a sottolineare che sono escluse le urgenze maggiori e le emergenze in quanto i PAT non sono strutture afferenti alla rete dell’emergenza territoriale che, a seguito di specifiche normative vincolanti emanate a livello nazionale (Conferenza Stato Regioni n.98/CSR del 05/08/2014 – DM 70/2015) sono assicurate dal servizio ARES 118…”

“Viene ignorato – replica il dottor Franco Brugnola, promotore e tenace assertore del ‘No alla chiusura del Punto di Primo Intervento di Sabaudia’ – il DCA U00469 del 2019 che Zingaretti adottò pochi giorni prima dell’udienza che avrebbe dovuto esaminare il ricorso contro la trasformazione del PPI in PAT ed in base al quale è scritto che il PAT avrebbe svolto la propria attività dal primo gennaio 2020 sia pur con diversa denominazione ma in continuità con le funzioni precedentemente svolte. Prima delle elezioni comunali di Sabaudia è venuto l’assessore D’Amato a promettere che avrebbe riaperto il PAT la notte, invece stiamo assistendo alla ulteriore dequalificazione del servizio senza alcun atto che abbia modificato l’ultimo adottato. Forse la nuova direzione non ne è a conoscenza?”.

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCoronavirus: sono 412 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore. Due morti a Cisterna e Formia
Articolo successivoMaltempo, proseguono le operazioni di soccorso dei Vigili del Fuoco: già 200 gli interventi effettuati