“Facciamo luce sul Teatro””.

E’ lo slogan adottato da U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) per riaccendere nuovamente i riflettori sullo spettacolo dal vivo, spentesi con un provvedimento governativo che come prima misura di contrasto al Coronavirus intimava la chiusura immediata dei teatri nelle principali regioni del Nord, e poi di quelli sparsi su tutto il territorio italiano.

Un pungolo per il nuovo esecutivo affinché programmi, vari e pubblicizzi un piano per la celere riapertura in sicurezza di questi luoghi di cultura.

E per far arrivare la propria voce nelle stanze che contano, Unita ha rivolto a tutti i dirigenti dei teatri italiani, da quelli più piccoli fino ai grandi teatri nazionali, l’invito di illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera del 22 febbraio, estendendolo anche a coloro che sono il bersaglio del prodotto di autori, artisti, tecnici e manodopera: il pubblico, la gente che affolla le platee, alla quale ha chiesto di testimoniare la loro vicinanza con la propria presenza fisica. Sempre nella scrupolosa osservanza delle regole.

All’appello non si è sottratto il Teatro Fellini Pontinia che nella serata di ieri ha risposto positivamente all’iniziativa, nella speranza che quel pubblico possa tornare a godere dei tanti spettacoli allestiti negli anni e che hanno arricchito l’intera comunità di Pontinia.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.