Preghiera ai Signori Giudici: Claudio Moscardelli affronti il suo processo da presunto innocente, quindi da uomo libero.

827

LATINA- Una preghiera per i Giudici pontini che hanno disposto, ripetutamente, la misura cautelare degli arresti domiciliari nei riguardi del Sen. Claudio Moscardelli, nell’ambito del procedimento penale sui concorsi Asl.

Non voglio entrare nel merito della vicenda giudiziaria. L’11 Febbraio prossimo inizierà il dibattimento e lì soltanto verranno accertati i fatti, spero in un tempo ragionevole.

Il nucleo della mia preghiera, laica e cristiana insieme, riguarda il permanere – ai miei occhi irragionevole – della misura cautelare degli arresti domiciliari, in tutto e per tutto equiparati alla custodia cautelare in carcere.

Il senso del mio ragionamento non riguarda soltanto la persona dell’ex Senatore Moscardelli, ma si estende all’uso – io direi all’abuso – che sovente si fa della carcerazione preventiva erga omnes.

Nel solo 2020, infatti, l’Italia ha speso ben 46 milioni di euro come risarcimenti per ingiuste detenzioni ed errori giudiziari. Dal 1991 al 31 dicembre 2020 i casi totali di entrambi i fenomeni sono stati 29659: in media, poco più di 988 l’anno. Il tutto per una spesa complessiva dello Stato gigantesca, tra indennizzi e risarcimenti veri e propri: 869.754.850 euro, per una media appena superiore ai 28 milioni e 990 mila euro l’anno.

Circa il 95% dei casi si riferisce alle ingiuste detenzioni. Nel 2020 i casi di ingiusta detenzione sono stati 750. Uno dei dati più drammatici, poi, riguarda coloro che sono finiti in custodia cautelare da innocenti (è il caso di Moscardelli!): dal 1992 al 31 dicembre 2020 si sono registrati 29.452 casi; in media, 1015 innocenti in custodia cautelare ogni anno.

Sono numeri e cifre reperibili da fonti del Ministero della Giustizia e gelano il sangue di chiunque abbia a cuore lo stato di diritto. Troppo spesso ci dimentichiamo di essere il paese di Cesare Beccaria, non quello della Travaglio & Scanzi Associati.

Come scriveva il grande filosofo lombardo nella sua opera più importante, “Dei delitti e delle pene”: “Non vi è libertà ogni qualvolta le leggi permettono che, in alcuni eventi, l’uomo cessi di essere persona e diventi cosa”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.