ROMA – Preparatevi al lockdown, il 9 novembre potrebbe essere la data fatidica. Oggi 199 morti e 31mila contagi ma il picco potrebbe arrivare a 100mila casi al giorno. I segnali sono molteplici: da qualche giorno sulla grande stampa nazionale si leggono articoli di questo genere. Prima il Messaggero, poi il Corriere della Sera. Testate molto più auterevoli di noi, così come su Twitter il virologo Burioni invoca la chiusura totale.

Insomma, le misure varate con l’ultimo Dpcm che non piacciano al 77,6% degli italiani rischiano di essere inutili e Francia e Germania stanno li a dimostrarlo visto che questa volta siamo noi un mese indietro a loro ma ci avviciniamo a grandi passi agli stessi identici dati.

Dunque molto probabilmente al Governo Conte non resterà che replicare la stessa scelta di marzo, con la differenza che questa volta la tensione di piazza potrebbe esplodere. Un mix esplosivo a cui si aggiunge il fatto che secondo Stefania Salmaso, epidemiologa, già a capo del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’ Istituto Superiore di Sanità il picco deve ancora venire. «Se consideriamo gli oltre 26 mila casi di oggi (ieri per chi legge ndr ) vuol dire che la settimana prossima, con questa crescita arriveremo a oltre 50 mila casi, centomila in un paio di settimane».

Halloween a Wuhan

Intanto per quelli che i cinesi non c’entrano nulla invitiamo ad andare a vedere le immagini dei festeggiamenti di Halloween a Wuhan, città epicentro dell’epidemia. Siamo sicuri che il virus non sia uscito di proposito da un qualche laboratorio? E come mai gli unici a guadagnarci da questa pandemia sono proprio i cinesi? La loro economia ha ripreso a correre, i loro mega miliardari hanno visto raddoppiati i patrimoni personali mentre qui in Europa stiamo ancora a menarcela con un recovery fund che sembra più un fondo truffa piuttosto che lo strumento necessario a rilanciare le economie del vecchio continente.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.