Tra le polveri sospese nell’aria e il Coronavirus (COVID-19) c’è una correlazione? Soltanto una ricerca adeguata che coinvolga la chimica potrà dare una risposta

410

Le polveri sospese nell’aria vengono indicate con il termine Particelle sospese che indicano appunto le particelle solide (fumi) o liquide (nebbie) in sospensione nell’aria, e cioè la fuliggine, la polvere inorganica, la cenere, il polline, ecc. . Di esse circa il 60% proviene dai mezzi di trasporto a motore, il 14% circa dalle centrali termoelettriche in cui si brucia soprattutto olio combustibile o carbone per produrre elettricità, il 12% circa dalla produzione industriale, e la restante parte dal riscaldamento domestico e altro.

Le particelle possono essere distinte in fini, con un diametro minore o uguale a 1 μm (micrometro), e in grosse, con un diametro superiore a 1 μm (il micrometro corrisponde a un millesimo di millimetro). Quelle fini provengono dalle emissioni industriali, dalla combustione e dalla trasformazione di gas immessi nell’atmosfera, mentre quelle grosse si ottengono soprattutto dai processi meccanici come la frantumazione di rocce.

Nell’atmosfera urbana si ha approssimativamente, dal punto di vista chimico, la seguente distribuzione delle particelle sospese, sulla base delle relative dimensioni: le particelle fini sono costituite da composti policiclici aromatici (benzopirene, ecc.), da ioni ammonio, ioni solfato, ioni nitrato, e da elementi come carbonio, piombo e, in tracce, arsenico, zinco, cadmio, ecc. . Tra questi, alcuni sono potenzialmente cancerogeni come i policiclici aromatici, tra cui il benzopirene. Le particelle grosse, invece, sono costituite da composti del silicio, di alluminio, di ferro, ecc.

Per poter comprendere la pericolosità delle polveri bisogna innanzitutto conoscere l’apparato respiratorio che è diviso in tre parti: a) l’extratoracica (naso), in cui si depositato le particelle più grosse con un diametro maggiore di 10 μm; b) la tracheo-bronchiale, in cui si accumulano sia le particelle fini che grosse con diametro inferiore a 10 μm; c) la polmonare in cui si accumulano le particelle fini.

Le polveri che si accumulano nella parte extratoracica producono l’infiammazione del naso e della gola, mentre quelle che si depositano nella successiva parte tracheo-bronchiale possono provocare malattie croniche come l’asma, la bronchite, l’enfisema e, talvolta, anche neoplasie. La rimozione delle particelle con diametro minore e uguale a 10 μm, che si depositano negli alveoli polmonari, può avvenire in periodi molto lunghi che vanno da alcune settimane a vari anni. Esse possono causare malattie croniche come infiammazioni e fibrosi.

Tra i fattori che influiscono sui depositi nei vari tratti respiratori si evidenziano la variazione della velocità di flusso dell’aria e della frequenza respiratoria, la portata del flusso, la via dell’inalazione e le patologie respiratorie preesistenti. Una persona, infatti, che è soggetta ad uno sforzo fisico aumenta la ventilazione e quindi è esposto a dosi di polveri più elevate. Ancor di più una persona affetta da patologie respiratorie.

Le particelle indicate con la sigla PM10 hanno un diametro minore di 10 μm, quelle indicate con PM2,5 hanno un diametro inferiore a 2,5 μm e quelle indicate con PM0,1 con diametro minore di 0,1 μm. Il rischio sanitario è tanto più elevato quanto più piccola è la dimensione delle polveri e quanto più grande è il contenuto degli agenti tossici sopra elencati.

Sulla base delle suddette considerazioni, non potrebbe la medicina avvalersi della chimica e dei suoi strumenti analitici per verificare se ci sia una correlazione tra le polveri sottili e il Coronavirus, in quanto esse potrebbero rappresentare un veicolo dello stesso in un ambiente altamente inquinato? Già in tempi non sospetti c’è stata una serie di pubblicazioni scientifiche da cui si evince che le particelle sospese nell’aria rappresentano un fattore di diffusione di sostanze chimiche (elencate in precedenza) e anche di virus, che altro non sono che agglomerati di acidi nucleici RNA o DNA in capsule lipoproteiche e, quindi, sostanze chimiche. Le particelle sospese permetterebbero ai virus agganciati ad esse di vagare nell’aria per un tempo tanto più lungo quanto più piccole sono le loro dimensioni. Tra queste particelle ci sono i PM2,5 che arrivano sino agli alveoli polmonari. Tutto quanto detto non dovrebbe fare venire il sospetto e avviare una ricerca adeguata anche perché la zona geografica in cui c’è il più alto tasso di infezioni è la più inquinata da PM? La chimica, allora, potrebbe essere coinvolta per cercare di trovare soluzioni adeguate a questo problema, che riguarda non solo l’Italia ma tutto il mondo vista la diffusione del Coronavirus. La chimica, quindi, potrebbe rappresentare un valido aiuto per la medicina e soprattutto per l’umanità intera.

Francesco Giuliano

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCoronavirus, dopo Fondi l’allarme ora è su Latina: preoccupa l’impennata di casi. Siamo a quota 47 contagi e un decesso
Articolo successivoCoronavirus- ” Pronto chi favola?” L’iniziativa lanciata dall’attore e regista Francesco Zecca per coccolare, consolare e far sorridere i più piccini.
Giuliano Francesco, siciliano d’origine ma latinense d’adozione, ha una laurea magistrale in Chimica conseguita all’Università di Catania dopo la maturità classica presso il Liceo Gorgia di Lentini. Già docente di Chimica e Tecnologie Chimiche negli istituti statali, Supervisore di tirocinio e docente a contratto di Didattica della chimica presso la SSIS dell’Università RomaTre, cogliendo i “difetti” della scuola italiana, si fa fautore della Terza cultura, movimento internazionale che tende ad unificare la cultura umanistica con quella scientifica. È autore di diversi romanzi: I sassi di Kasmenai (Ed. Il foglio,2008), Come fumo nell’aria (Prospettiva ed.,2010), Il cercatore di tramonti (Ed. Il foglio,2011), L’intrepido alchimista (romanzo storico - Sensoinverso ed.,2014), Sulle ali dell’immaginazione (NarrativAracne, 2016, per il quale ottiene il Premio Internazionale Magna Grecia 2017), La ricerca (NarrativAracne – ContempoRagni,2018), Sul sentiero dell’origano selvatico (NarrativAracne – Ragno Riflesso, 2020). È anche autore di libri di poesie: M’accorsi d’amarti (2014), Quando bellezza m’appare (2015), Ragione e Sentimento (2016), Voglio lasciare traccia (2017), Tra albori e crepuscoli (2018), Parlar vorrei con te (2019), Migra il pensiero mio (2020), selezionati ed editi tutti dalla Libreria Editrice Urso. Pubblica recensioni di film e articoli scientifici in riviste cartacee CnS-La Chimica nella Scuola (SCI), in la Chimica e l’Industria (SCI) e in Scienze e Ricerche (A. I. L.). Membro del Comitato Scientifico del Primo Premio Nazionale di Editoria Universitaria, è anche componente della Giuria di Sala del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2018 e 2019/Giacarlo Dosi. Ha ricevuto il Premio Internazionale Magna Grecia 2017 (Letteratura scientifica) per il romanzo Sulle ali dell’immaginazione, Aracne – NarrativAracne (2016).