Una Risata Ci Salverà ? Oggi l’ultimo saluto a Gigi Proietti nella Sua Roma

74

Mi piace immaginare la scomparsa di un grande artista come il passaggio di una stella cometa, una scia luminosa che attraversa il cielo, sfiora il nostro sguardo e si dilegua. Imfatti, quando muore un artista lui seguita a rivivere nel suo eterno percorso, quello di una vita intonata alla creazione e alla bellezza. Proietti, “l’uomo che ride”, non quello di Hugo,poi, di Verdi (Rigoletto) cioè il buffone tragico bensì l’istrione, il mattatore esilarante e dissacrante. Il neo Petronio di Roma che nei suoi spettacoli, nelle sue succulente “saturae” ossia piatti farciti (satura lanx,questo il significato) ha scritto e descritto il senso della vita indicandone il modo per attuarlo: l’umorismo, un ingrediente che Pirandello individua nel “sentimento del contrario”, in un atteggiamento o comportamento critico e autocritico, al tempo stesso ai limiti del sarcastico: sdrammatizzare col sorriso, meglio ancora con una risata le contrarietà della vita. Ridendo e scherzando Proietti ha raccontato tante verità palesi o nascoste, in prima o per interposta “persona” (in latino maschera),precisamente nei e con i personaggi da lui egregiamente interpretati, seri o comici, Shakespeare compreso: la creazione del Globe Theatre a Roma attesta quanto fosse convinto e consapevole della valenza civile e popolare del teatro. Lui non aveva bisogno necessariamente di un autore essendo di per sé stesso tale, quindi, un personaggio che non aveva bisogno di andarlo a cercare l’autore sebbene, quando vi si imbatteva, vi si accostava con arte. Come tutti i grandi attori ha saputo frequentare il comico, il faceto, il drammatico. Tra il riso o la commozione nelle sue folgoranti carrellate “antologiche” ti conduceva a caracollare o saltabeccare da un umore all’altro comunicandoti il quid o sottotesto dei “classici” o, semplicemente, di spaccati di ordinaria esistenza. Non so se sia congruente ma lo apparenterei a quei grandi clown capaci di filtrare il serio o tragico della vita attraverso le loro facezie, battute o piroette. La stessa gestualità di Gigi Proietti era non solo marcatamente espressiva ma soprattutto “invasiva” come le sue battute, i suoi monologhi erano corpo vivo e pulsante, scosse elettriche o carezze balsamiche. “Io sono un istrione” cantava Aznavour, “Tanto pe cantà” replicava idealmente Proietti che, poi, voleva significare anche “campà”: il teatro è vita vera e non pura finzione, è ciò che si “vede” (in greco théatron dal verbo theàomai= vedere) donde si vive. La su arte: farti rivivere i cosiddetti attimi fuggenti del vivere all’insegna di una salvifica risata, magari recuperandoli al volo sul filo del graffio o “graffito” di una battuta impertinente, allusiva vuoi al sesso, alla politica vuoi a fatti o persone note e meno note. Il teatro, il cinema, Roma sono stati i palcoscenici su cui ha scritto la sua “commedia”,secondo l’accezione dantesca(Lettera a Cangrande della Scala) in stile sapientemente “mediocre” cioè “di mezzo” ossia “volgare”,finalmente popolare. Proietti come il grande poeta meneghino Carlo Porta e il romano G.G.Belli (nota a margine: entrambi scioccamente proposti a scuola come “dialettali”,dunque,“minori” e perciò non più che fugacemente citati rispetto ai cosiddetti “grandi”!) con le loro Poesie/Sonetti hanno interpretato e esaltato l’anima del popolo individuandone la generosità e insieme l’imposta o supposta “inferiorità” in virtù di una corrosiva nonché cordiale (di cuore) risata liberatrice. Per arguzia,acume critico e sagacia possono dirsi i “padri”putativi o maestri di Proietti: come quelli ha saputo trasmettere il valore e l’efficacia di una salvifica risata. Una risata esplosiva e sonora da intendersi non solo “tanto pe cantà” ma soprattutto “tanto pe criticà” che vor dì anche “pe campà”! Ho il privilegio di aver sentito leggere-recitare da lui il lapidario verso del Belli :” Io so io ma tu chi cazzo sei”? Credetemi, una lezione di vita! Porta,Belli, Proietti, ognuno al suo livello, tre grandi poeti contemporanei, italiani altro che veraci e mordaci. Esempi di stile di vita, fustigatori di costumi e malcostumi, dei politici di m….come quei grandi li consideravano! Proietti non faceva come si suol dire politica ma come tutti i grandi poeti e autori sapeva interpretare e intercettare la politica attraverso il filtro dell’arte, nel suo caso della satira e di una grande risata. Il congedo: mi piace pensare che prima di esalare l’ultimo respiro Gigi abbia detto alla belle dame sans merci: “ E mo tu che voi? Me sei venuta a prende? Sai che te dico? Me viè da ride”!


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.