Un’altra tegola per la coalizione di Coletta: Antimo Di Biasio, “Latina2032”, presenta un ricorso al TAR.

1202
Antimo Di Biasio, candidato a sostegno di Coletta nella lista "Latina2032" e promotore del ricorso

LATINA- Dopo il ricorso presentato innanzi al Tar da alcuni cittadini allo scopo di far luce su ben 30 sezioni elettorali che sarebbero state al centro di opacità e possibili irregolarità, una altra tegola minaccia la serenità del Sindaco Coletta e della sua minoranza.

Un candidato della sua stessa coalizione, infatti, Antimo Di Biasio presentatosi nella lista “Latina2032” che ha visto l’elezione di Simona Lepori e Massimiliano Colazingari, per mezzo dell’Avv. Simona Giansanti, ha depositato un ricorso presso il Tribunale Amministrativo Regionale.

Dal ricorso si legge che “ben 9 voti si sono dispersi nello spazio intercorrente tra la votazione (per come verbalizzata nei verbali di sezioni) ed il momento in cui è stato elaborato e compilato il modello di prospetto 58\ com riepilogativo dei voti ottenuti dai consiglieri.

Infine, la proclamazione è avvenuta tenendo conto dell’errato modello di prospetto 58\ com riepilogativo dei voti ottenuti dai consiglieri.

In ragione di ciò al ricorrente sono stati attribuiti solo 237 voti, in luogo dei 246 voti ottenuti, verbalizzati e persino indicati sul sito comunale. Occorre dunque procedere alla correzione del risultato elettorale”. 

Di Biasio ha presentato il ricorso nelle ultime 48 ore utili, senza alcun supporto dall’entourage del Sindaco e della lista “Latina2032”. I quali, invece di tutelare un candidato portatore di un consenso non tradizionalmente legato alla sinistra (Di Biasio, infatti, è sempre stato un moderato e mai aveva sostenuto il centrosinistra prima di queste ultime amministrative), ne hanno sostanzialmente ignorato le doglianze.

Sul sito del Comune di Latina, attualmente, vengono riportate le 246 preferenze ottenute da Di Biasio, ma nell’estratto del verbale delle operazioni dell’ufficio centrale, ne sono riportate soltanto 237. 9 voti di differenza, appunto, che favorirebbero l’ex esponente dem Nazzareno Ranaldi che entrerebbe, quindi, in Consiglio Comunale a seguito delle dimissioni di Simona Lepori, nel frattempo riconfermata Assessore. O, come piace dire, Assessora.

Ora il boccino è nelle mani dei giudici amministrativi.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.