LATINA – Agostino Mascolo- detto Mimmo – sabato 12 settembre compie 70 anni. Una vita tra famiglia, lavoro al Catasto e tanto, tanto minibasket. Mimmo ha sempre fatto al meglio il suo lavoro in palestra essendo sempre se stesso e non l’ombra o l’imitazione di un altro. Personalità, cultura cestistica e d educazione: tre punti fondamentali per un personaggio conosciuto e amato. Da giovane, quando giocava con la Pallacanestro latina, lo chiamavamo Cita, non o bene per quale motivo. E’ balzato agli onori delle cronache provinciali scoprendo un pericoloso ordigno bellico della seconda guerra mondiale in località Scopone a Nettuno, vicino Villa Verdiana.

I giornali dell’epoca che Mimmo conserva gelosamente parlarono di lui, fu elogiato pubblicamente dalla Prefettura. Mascolo ha allenato per quasi 50 anni consecutivi nel minibasket, diventando a Latina una vera e propria istituzione, prima ha guidato i piccoli della Pall. Latina poi l’ Asso Sport, seguito in principio da Pino D’Alessandro e Marcello Zanda. Mai mancato a un allenamento, Mimmo ha vinto un numero impressionante di titoli provinciali nella categoria Aquilotti, raggiunto prestigiose finali nazionali con la squadra Propaganda maschile e femminile. Intere generazioni sono passate attraverso i suoi insegnamenti e un metodo portato avanti con passione e creatività. Lui sapeva unire l’insegnamento del gioco e il divertimento, cosa fondamentale per un bravo istruttore. Mimmo conoseceva con precisione cosa fare nell’ambito del suo gruppo, ponendo sempre obiettivi ragionevoli per ogni ragazzo o ragazza che conosceva a fondo. Non ha mai amato i riflettori, lavorando in sordina con innata modestia. Sono in tanti a ricordarsi del buon Mimmo e salutarlo con affetto quando lo incontrano per la strada, il sorriso è assicurato da parte di un uomo di altri tempi. Essere istruttori minibasket significa possedere le competenze indispensabili per agire nell’ambito di un progetto educativo-sportivo dedicato ai bambini dai 5 agli 11 anni. Mascolo è un innamorato del settore giovanile, si è specializzato in un contesto specifico e lo ha fatto con passione, successo, cura e competenza. Auguri Mimmo, di vero cuore.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteSabaudia. Giada Gervasi spiega i motivi dello slittamento dell’inizio dell’anno scolastico
Articolo successivoTerracina. Anxur Summer Wine, un evento celebrativo sul moscato e le sue tradizioni
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.