LATINA – Carnevale, Lega: «Coletta sale sul carro del nuovo ospedale perché le elezioni sono vicine, ma dimentica di riconoscere i meriti di chi ha avuto una visione strategica. Fino a ieri per lui non era un’opera fondamentale». Davvero curioso assistere in questi giorni alle improvvise conversioni del sindaco Coletta che dopo aver tentato in tutti i modi di affossare il progetto del nuovo Ospedale e aver cercato in ogni occasione di ostacolare il percorso della Roma-Latina, oggi sembra ‘folgorato sulla via di Damasco’. Coletta, infatti,  abbagliato dalla luce delle passerelle e delle conferenze stampa preelettorali non perde occasione per mettersi in vetrina cercando di intestarsi la medaglietta dell’avvio del progetto di fattibilità del Policlinico di Latina, piuttosto che il merito di un accordo al ribasso su un’opera strategica come l’autostrada che grazie ai suoi silenzi ha perso di fatto tutte le opere di compensazione che avrebbero garantito alla nostra città e al nostro territorio interventi per decine di milioni di euro che il bilancio del comune non potrà mai mettere in cantiere. Eppure nonostante ciò Coletta e chi lo sostiene a livello regionale e governativo non perde occasione per mettersi in vetrina con l’annuncio di un qualche nuovo progetto. 

Alla luce di tutto ciò ritengo dunque opportuno ricordargli che non solo si tratta di progetti che, come l’autostrada e il nuovo l’ospedale, nascono da una visione di città precisa che apparteneva ai tanto vituperati “quelli di prima”, ma che stranamente tutte queste iniziative sono stati messe in naftalina per anni e proprio ora, a cinque mesi dalle elezioni…, vengono rispolverate. 

È così che il dottor Coletta qualche giorno fa, mentre sedeva accanto al Dg della Asl Casati, si è guardato bene dal ricordare che se oggi si può parlare del tanto auspicato nuovo ospedale lo si deve soltanto agli atti amministrativi portati avanti da una classe dirigente e un da consiglio comunale, che negli anni passati ha avuto la capacità di pianificare un territorio e prevedere iniziative volte a creare le condizioni per realizzare un’opera pubblica fondamentale per il diritto alla salute e lo sviluppo della nostra comunità. Ricordo tutto ciò perché è bene sottolineare all’opinione pubblica della città che governare come ha fatto Coletta lin questo mandato, senza visione e senza sapere dove portare la città, significa mortificarne il futuro. La sanità avrebbe dovuto essere un tema in cima ai programmi di qualsiasi politico, specialmente se medico, perché entra nel vivo delle esigenze primarie di ogni cittadino. Invece anche sotto il governo di Coletta per troppi anni Latina è stata mortificata a causa di una politica regionale che si basava unicamente al taglio di posti letto e risorse economiche. Una politica che Coletta si è ben guardato dal contrastare, salvo oggi salire al volo sul carro del nuovo ospedale perché le elezioni sono pericolosamente vicine.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.