Famiglia salvata dall’inferno di fango alla Puzzolente

Quattro ore a piedi in mezzo al fango in salvo grazie ai Vigili del Fuoco e alle Guardie Forestali

960
Il cancello dell'abitazione ostruito dal fango

LIVORNO – “Un inferno, una situazione simile a quella dell’alluvione del 2017 con gli stessi rischi per noi della Puzzolente, eravamo abbandonati”. Una famiglia residente in via della Fonte della Puzzolente, l’ultima casa per la precisione, in fondo al demanio prima dell’inizio del Parco delle Colline Livornesi, è rimasta isolata dalla pioggia e dal fango nella notte di tempesta di ieri: moglie, marito e un bambino sono rimasti nella loro casa senza via d’uscita con il cancello sbarrato dal fango. La chiamata ai Vigili del Fuoco scatta alle 21. La zona è situata in località Corbolone, il torrente è straripato e l’abitazione della famiglia non è raggiungibile neanche con le jeep dei pompieri e della Guardia Forestale anch’essa intervenuta sul posto. I mezzi vengono parcheggati appena possibile.

La famiglia verrà raggiunta e accompagnata in un percorso a piedi molto difficoltoso in mezzo al bosco, camminando immersi nel fango, sotto la pioggia e al buio, con le torce sulla testa per farsi luce. Il percorso camminato dal gruppo per raggiungere i mezzi dei Vigili del Fuoco sarà di ben 12 mila passi registrati sulle app dei cellulari e impiegherà 4 ore di tempo, dalle 21 alle 1 del mattino, per concludersi. Una vera odissea che si conclude fortunatamente con il lieto fine e la famiglia accompagnata a casa di parenti in sicurezza. La famiglia protagonista di questa avventura drammatica a lieto fine non è l’unica, infatti alla Puzzolente ci sono altre case e altri nuclei familiari e si riporta la preghiera alle istituzioni dei residenti e anche da parte delle Guardie Forestali di inserire la zona della Puzzolente tra quelle monitorate e a rischio idrogeologico.

Il percorso di salvataggio
Il cancello dell’abitazione ostruito dal fango

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteFiniti gli interrogatori per l’inchiesta Karibù. Liliane non risponde e andrà al Riesame . Le Spese? ” Suggestioni Mediatiche”
Articolo successivoPrima colpisce la moglie, quindi le chiede soldi per il divorzio. Arrestato a Latina Scalo
Divento giornalista pubblicista nel 2012 lavorando per Il Tirreno per quattro anni e mezzo nella redazione della cronaca di Livorno, in seguito faccio varie esperienze personali sempre volte ad accrescere la mia esperienza professionale. Ho collaborato con più di un giornale on line, guidandone alcuni, ho lavorato come addetto stampa nel campo della politica, dello sport e dello spettacolo, attualmente affianco la professione giornalistica a quella di scrittore.