I parenti temevano una disgrazia, era in carcere sotto falso nome per rapina aggravata

211

Rebibbia
LATINA – Era in carcere sotto falso nom mentre i parenti si preoccupavano per lui e temevano addirittura una disgrazia. È la storia di un giovane profugo siriano sbarcato clandestinamente in Italia nel 2014.
La storia che vi abbiamo raccontato inizia a Latina i primi di febbraio quando un cittadino siriano dimorante nel capoluogo pontino, aveva presentato denuncia di scomparsa del proprio nipote K.M.S. di anni 24, in quanto si erano perse le sue tracce da circa 18 mesi. Anche i genitori del ragazzo, che vivono in uno Stato estero, avevano presentato analoga denuncia presso quelle Autorità di polizia.
In particolare, secondo i racconti fatti dallo zio, che nella circostanza è stato assistito da un’interprete in quanto non parla la lingua italiana, il giovane era sbarcato clandestinamente sulle coste italiane verso la fine dell’estate del 2014 e gli organi di polizia lo avevano sottoposto ai rilievi foto-dattiloscopici; alcuni mesi più tardi lo stesso si era illegalmente trasferito in un paese del Nord Europa dove, poco dopo, era stato scoperto e riconsegnato alle Autorità italiane in virtù del trattato di Dublino.
Da quel momento in poi, il ragazzo siriano sembrava essere scomparso nel nulla, tant’è che anche l’utenza telefonica con numerazione italiana di cui era in possesso, era oramai continuamente irraggiungibile.
I mirati approfondimenti investigativi svolti dai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, tuttavia, hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda e svelare il mistero.
Infatti, K.M.S. aveva fornito alle forze dell’ordine, in tutte le circostanze, nomi di fantasia e, per ultimo, nell’estate del 2015 quando è stato tratto in arresto dalla polizia della capitale per rapina aggravata in concorso e tradotto presso un carcere italiano, ove si trova tuttora recluso a disposizione della competente Autorità giudiziaria.
I familiari residenti a Latina sono stati informati degli avvenimenti è sono rimasti sconvolti per il comportamento del ragazzo, ma hanno tirato un sospiro di sollievo temendo ad una disgrazia.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteMinacciava la sorella davanti al fratellino di otto anni e pretendeva 200 euro a settimana, pluripregiudicato allontanato da casa
Articolo successivoPronte le ruspe per abbattere i chioschi, venerdì la manifestazione in piazza del Popolo
Giornalista Professionista dal 2007 - Fondatore di News-24.it: nella mia carriera ho diretto la redazione sportiva del Quotidiano La Provincia di Latina fino al 2013, dal 2008 al 2013 ho collaborato con ExtraTv, ho ricoperto l'incarico di addetto stampa della Top Volley in serie A1 e nel 2014 per sei mesi sono stato condirettore del quotidiano Latina Oggi Notizie. Attualmente mi occupo di informazione on line e social media con un occhio attento alle profonde modificazione che i nuovi mezzi di comunicazione stanno imponendo ai nostri stili di vita.