Il Buongiorno Dell’Amico. Bongiorno, donne!

69

Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la convinzione che il femminismo possa essere la salute del mondo si rafforza. Il femminicidio ed ogni violenza fisica e morale sulle donne rappresenta la ferinità e l’inferiorità, non solo biologica, del genere maschio. Questa “bestialità umana” ha avuto una rappresentazione nell’agire politico esercitato sotto forma di maschilismo più o meno sfrenato e che è ricorso anche all’ipocrisia, il fascismo, ad esempio. In Italia solo dei farabutti possono continuare a sostenere che ha “fatto anche cose
buone”.

Il regime fascista, ferocemente antifemminista, che relegava la donna al ruolo di fattrice con il dovere di procreare,
concesse tuttavia alle donne nel 1925 il “diritto di voto”, anche se limitato alle elezioni locali.
La riforma podestarile, entrata in vigore pochi mesi dopo e precisamente in data 4 febbraio 1926 rese però nulla tale legge poiché ogni elettorato amministrativo locale veniva annullato sostituendo al sindaco il podestà non eletto dal popolo ma dal governo.
Le donne in Italia dovettero aspettare fino al 1945 per riguadagnare il diritto al pieno suffragio.
Solo con una nuova Liberazione o rivoluzione femminista il mondo potrà cambiare nella sostanza e non nella forma i rapporti di genere.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteUmberto Brusadin, la giovane promessa del basket pontino
Articolo successivoAb Latina e i giovani
Evandro Dell’Amico
Evandro Dell'Amico Nato a Carrara ma residente a Massa, Laureato in Lettere Moderne a Pisa nel 2014, ho lavorato per oltre 40 anni nel SSRT. Come sindacalista CGIL Versilia e Massa ho dato il mio impegno in materia di programmazione sanitaria, a tutela della salute del cittadino e dei diritti degli operatori. Dal 2013 ho scritto 4 libri di memorie, su miei familiari, militari nella 2^ G.M. Ho organizzato eventi culturali in memoria della Cineteca di mio padre Bruno, valente cineasta tra gli anni 60/80, Ho collaborato con lui nella realizzazione dei 33 filmati girati nel comprensorio di Massa, dalla ricostruzione di episodi della Resistenza Apuolunigianese a documentari sulle cave di Carrara.