Paolo Bianchini presidente di MIO Italia (movimento imprese ospitalità), chiede l’applicazione del protocollo firmato dalle Regioni per la riapertura dei ristoranti

1

Vedere 30 mila persone in Piazza a Milano che festeggiano uno scudetto senza alcun tipo di controllo istituzionale, mentre i ristoratori di Milano e non solo, rischiano il collasso per la non riapertura in sicurezza, è quanto viene reclamato da Paolo Bianchini, presidente del MIO Italia che ieri sera ha radunato la categoria davanti a MonteCitorio.

Paolo Bianchini  alza i toni e diffonde la presenza ormai ovunque, chiede al Governo e al Ministro di competenza di scendere dal piedistallo delle contraddizioni. Il presidente del MIO Italia, presenta un cartello di prossime iniziative importanti  relativamente alla categoriea dei ristoratori il cui accanimento non trova ne spazio e ne giustificazioni.

“Chiediamo, urla a gran voce Bianchini, che venga immediatamente applicato il protocollo firmato e sottoscritto da 21 presidenti delle Regione lo scorso venerdi 29 aprile,  e si faccia lavorare un comparto che è allo sbando,  facendoli aprire all’interno ed all’esterno sempre in grande sicurezza.  I dati del Ministero della Salute, parlano chiaro, continua Paolo Bianchini, sui numeri iniziamo a raccontare la verità”… se andiamo a capire e ad interpretare il vero tasso di incidenza sulla mortalità, ci rendiamo conto che sulle riaperture dei locali serali o dei ristoratori non si può più prescindere e la categoria sta andando al collasso”

In sintesi, non è certo l’apertura dei ristoratori all’interno oltre che all’esterno, la panacea di tutti i mali o ciò che fa aumentare il tasso di incidenza sulla divulgazione del virus. Questo ormai appare chiaro, quando e sopratutto si permette a 30 mila tifosi di scendere in piazza senza alcun controllo, non ci si può soffermare su un caffè se meglio preso al bancone o meglio d’asporto!!!


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteLazio, ANAS : Presentato il piano di riqualificazione della Pontina, interventi per 137 milioni, l’ obiettivo è più sicurezza
Lorella Iaci
Laureata in lettere moderne, con specializzazione in critica letteraria, ho iniziato la carriera come collaboratrice del quotidiano “ Il Tempo” per 15 anni, occupandomi di politica, sociale ed eventi culturali. Con la rivista “Espresso” ho svolto tre inchieste di ampio spessore sociale. Dal 2004 al 2009, ho assunto l’incarico come consulente stampa di fiducia del sindaco di Aprilia, Santangelo. Specializzata nella comunicazione multimediale con titoli rilasciati direttamente dall’Ordine dei Giornalisti al quale sono iscritta dal 1997, ho scritto per il quotidiano La Provincia e collaboro attualmente anche con diverse testate per eventi sul territorio e per la cultura extra regionale.