Al clou di una cerimonia svoltasi ieri nello scenario di Castello Caetani, il prefetto di Latina, Maurizio Falco, ha consegnato nelle mani del sindaco Giuseppina Giovannoli il decreto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che eleva Sermoneta al rango di Città.
Come annunciato, Sermoneta diventa ufficialmente Città: la meta di un viaggio intrapreso dall’amministrazione comunale il 29 novembre 2019 con l’approvazione in consiglio comunale della richiesta di concessione e culminata nell’evento di ieri.

“Una giornata storica per Sermoneta – scrive il primo cittadino Giovannoli -, la massima carica dello Stato ha riconosciuto ufficialmente l’importanza della nostra comunità attraverso un’onorificenza che Sermoneta ha meritato e merita per la sua importante e ricca storia, per le sue eccellenze, per le sue tradizioni, per il valore della sua laboriosa gente.

Sono le persone che fanno la città, non gli emblemi distintivi, questo è un riconoscimento che deve renderci tutti orgogliosi della comunità che siamo”.

“Questa onorificenza, che ho voluto condividere con l’intero consiglio comunale e con gli ex sindaci, oltre che con i rappresentanti delle associazioni locali, gli studenti, le forze dell’ordine, i rappresentanti di Provincia, Regione, Parlamento ed Europarlamento, rappresenta non un punto di arrivo ma un nuovo punto di partenza, uno stimolo a fare sempre meglio per la comunità, e voglio consegnare idealmente il titolo ai nostri studenti, ai nostri giovani, i cittadini del domani, affinché possano continuare ad avere cura della loro città”, sottolinea il sindaco, passando poi ai ringraziamenti all’indirizzo di “’Anc, Protezione Civile, Polizia locale, sbandieratori, banda musicale Fabrizio Caroso, alunni dell’indirizzo musicale della scuola di Sermoneta, con la dirigente scolastica Giovanna Tufarelli e i bravissimi insegnanti, la Fondazione Caetani e gli uffici comunali”.

E concludendo il suo intervento al grido di “Viva Sermoneta!”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.