Verso la riapertura di palestre e piscine dal prossimo 5 marzo 2021

106

Il ministero dello Sport ha stilato nuove regole, che sono state validate dal Comitato tecnico-scientifico (CTS) per favorire la riapertura di palestre e piscine. E siccome l’attuale DPCM va in scadenza il 5 marzo, toccherà al nuovo governo dare l’eventuale via libera in zona arancione e gialla nel decreto successivo. Ma fare bene attenzione: secondo quanto trapela saranno consentite in palestra solo lezioni individuali, mentre in piscina ci saranno spazi ben definiti e il divieto di utilizzare le docce.
Rimane il vincolo del rispetto della distanza interpersonale, non inferiore a 2 metri in palestra ma che per l’attività in piscina dovrà essere stabilita tra i 7 metri proposti dal ministro e i 10 richiesti dal CTS.
“Si valuta con molta preoccupazione, in questa fase dell’epidemia sostenuta – scrivono dal CTS – il riscontro potenziale di aggregazioni tra persone all’interno degli impianti sportivi, soprattutto in ambienti chiusi e confinati. Ma si ritiene particolarmente importante il ritorno alla fruizione delle attività fisiche, soprattutto nei soggetti in età evolutiva e negli individui con patologie croniche e negli anziani, nei quali il benessere psico-fisico acquisisce una dimensione fondamentale sullo stato di salute”.
Gli operatori dovranno indossare la mascherina, rendere disponibili i gel disinfettanti e sanificare attrezzi e materiali dopo ogni utilizzo. Gli indumenti personali dovranno essere riposti in borse personali e non lasciati in luoghi condivisi, si dovrà bere da bicchieri/bottiglie monouso personali e gettare i fazzoletti in appositi contenitori.

CARATTERISTICHE DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA ZONA PER ZONA
– Zona rossa e aree sottoposte a lockdown locali: sport individuali all’aperto
– Zona arancione: oltre alle attività consentite in zona rossa, anche allenamenti individuali in palestre, piscine e tensostrutture ma solo per attività di base individuali oltre a quelle dilettantistiche non di squadra o non di contatto
– Zona gialla: oltre alle attività consentite in zona arancione, consentiti allenamenti per sport da contatti e di squadra dilettantistico e di base


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteAncora sconfitta la Benacquista Latina, cede in casa dell’Eurobasket per 85 – 73 .
Articolo successivoSan Felice Circeo. Tornano le Passeggiate Poetiche nel Parco Nazionale del Circeo, sabato prossimo si andrà alla scoperta delle Mura Ciclopiche
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.