Al Palabianchini arriva Scafati del patron Longobardi.

36

Appena il tempo di archiviare la gara andata in scena sabato sera al PalaTerme di Montecatini, dove i nerazzurri hanno sfidato Pistoia, e la Benacquista Assicurazioni Latina Basket si trova ad affrontare un altro difficile e importante impegno. Martedì 8 dicembre, infatti, la squadra guidata da coach Gramenzi, tornerà a giocare tra le mura amiche del PalaBianchini, dove riceverà la Givova Scafati. Palla a due alle ore 18:00 per il quarto appuntamento della stagione, che coincide con il recupero della prima giornata. Sarà la terza volta, su quattro gare, in cui i pontini si confronteranno con un avversario già incontrato durante le partite di Supercoppa disputate nel precampionato. Era lo scorso 11 ottobre quando Latina, al termine di un match molto equilibrato e di un tempo supplementare, si era aggiudicata la vittoria con il risultato di 91-89, ma da quel momento molte cose sono cambiate. Scafati ha conquistato la Supercoppa e fatto l’en plein in campionato nelle prime 3 gare giocate, oltre ad aver recentemente inserito Derryl Joshua Jackson in sostituzione dell’infortunato Cullpepper. Latina ha continuato a lavorare per crescere e migliorare e conquistato il successo all’esordio casalingo in regular season, ma non è riuscita a eguagliare il risultato nelle 2 ostiche trasferte a Napoli e Pistoia.
Alla vigilia del primo dei 2 appuntamenti casalinghi consecutivi (domenica 13 ore 18 match in cartello al PalaBianchini Latina vs Chieti) abbiamo scambiato due chiacchiere con Capitan Raucci: «Martedì ci troveremo di fronte un avversario già affrontato in occasione della Supercoppa ed è una squadra con un’ottima qualità di gioco. Ha un roster che lascia spazio ad ampie rotazioni, potendo contare su 9 giocatori di buonissimo livello, tra cui una coppia di americani che non sarà semplice contenere – conferma il numero 20 della Benacquista – Scafati ha già raggiunto un primo importante obiettivo che è stata la vittoria in Supercoppa, oltre al percorso netto compiuto in questo avvio di regular season, mentre per quanto ci riguarda, non stiamo vivendo il nostro momento migliore, motivo per cui martedì servirà un’ottima prestazione, sia per riacquistare fiducia in noi stessi, sia per risollevare il morale».
Se da un lato Davide Raucci evidenzia la forza dell’avversario, d’altro canto è anche consapevole che: «Per quanto Scafati sia una formazione molto forte, è altrettanto vero che ogni partita è diversa dalle altre, abbiamo dimostrato in precampionato che possiamo giocarcela anche con loro, a condizione, però, di riuscire a ridurre al minimo le ingenuità, perché è la squadra che riesce a punire gli errori commessi dall’avversario ad avere la meglio in campo. Torneremo a giocare in casa, anche se senza il supporto dei tifosi e quindi del fattore campo, ma sarà certamente uno stimolo in più dopo le due trasferte consecutive».

Aggiornamenti in tempo reale della partita sulle pagine social della società e diretta streaming sul canale LNPPASS.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteFormia. Il tributo della città a Cicerone nell’anniversario dell’assassinio di Vindicio
Articolo successivoCisterna. Ignoto il Giardino di Ninfa al conduttore de “I Soliti Ignoti”, la lettera al pepe i Carturan ad Amadeus
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.