Calcio, la conferenza stampa di Antonio Aprile

269

antonio-aprile1

LATINA – La conferenza di Antonio Aprile. Nella sala stampa del Francioni il copresidente nerazzurro ha, innanzitutto, ribadito la fiducia della società nei confronti del tecnico Vincenzo Vivarini e del suo staff. “Il nostro allenatore non è mai stato in discussione – ha dichiarato Antonio Aprile – La nostra fiducia nei suoi confronti è incondizionata: fa parte di un progetto ben preciso. Avevamo messo in preventivo la possibilità che si potesse andare incontro a qualche momento di difficoltà, la nostra rosa è stata ringiovanita di molto: sapevamo che sarebbe servito un po’ tempo. Noi siamo tranquilli e sereni e la stessa serenità la devono avere tecnico e giocatori. Siamo convinti delle capacità di Vivarini, consapevoli che sia il professionista adatto e la persona giusta a salvare questa squadra. Ha sempre portato risultati ovunque, dobbiamo dargli tempo di lavorare con serenità. Siamo convinti che saprà portare i risultati anche a Latina”.

Poi il copresidente ha proseguito, rispondendo a precisa domanda, sulla questione societaria ribadendo come saranno ancora lui e Maietta a tenere le redini del club, nonostante si susseguano ancora voci su una presunta cessione. “Sicuramente, come già detto in passato – ha proseguito Antonio Aprile – Restiamo aperti a possibili ingressi di soci che andrebbero ad acquistare quote portando forze fresche in società a livello economico, ma non abbiamo intenzione di vendere tutto il pacchetto, assolutamente no”.

Le ultime parole di Antonio Aprile sono state, anche in questo caso rispondendo a precisa domanda, sull’ex direttore generale Pietro Leonardi. “Su questo punto è giusto fare subito chiarezza  – ha concluso il copresidente nerazzurro – Noi come US Latina Calcio non abbiamo più nessun rapporto di lavoro con Leonardi. Ci sono delle dimissioni ed una rescissione del contratto che parlano chiaro da questo punto di vista. Io e Maietta siamo molto rispettosi delle regole, ci siamo sempre impegnati ad agire senza violare le norme, con la Lega abbiamo un rapporto splendido che non vogliamo per nessun motivo incrinare. Questo non vieta, però, che si possano avere rapporti umani: con Pietro ci lega un rapporto di amicizia, non penso gli si possa vietare di vedere una partita allo stadio o di venirci a trovare quando vuole”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.