SABAUDIA – Prescriveva illecitamente farmaci ad azione stupefacente, favoreggiando anche l’immigrazione clandestina. Queste le accuse a cui un farmacista di Sabaudia dovrà rispondere insieme ad un avvocato e altre persone coinvolte nell’inchiesta No Pain.

Nell’udienza di stamattina, il gup ha accolto la richiesta del pubblico ministero Valerio De Luca e rinviato a giudizio gli imputati. Il processo inizierà il 19 aprile del prossimo anno. L’inchiesta aveva accertato il rilascio illecito a 222 pazienti indiani impiegati nell’agricoltura di circa 1000 false prescrizioni per 1500 confezioni di farmaco stupefacente.

Il medicinale non serviva per la cura di patologie ma per consentire loro di sopportare la fatica dei campi. Le esenzioni hanno causato un danno economico al Servizio sanitario quantificato in 24,128 €


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCatturato pericoloso latitante mentre andava dalla ex
Articolo successivoCompleanno speciale per Giuseppina, la nonna di Formia: 108 anni portati benissimo