La giunta comunale di Terracina ha deliberato ieri l’adesione all’Avviso Pubblico del governo per l’assegnazione di fondi ai Comuni italiani per promuovere la diffusione delle piattafoirme Spid, pagoPA e dell’app IO.

La ripartizione dei fondi è su base demografica e la città di Terracina può ottenere 11.850 euro di contributo. Lo scopo dell’iniziativa è la promozione dei servizi digitali nella Pubblica Amministrazione, uno strumento di grande utilità che consente di soddisfare tutte le procedure da remoto, senza doversi recare personalmente negli uffici per l’erogazione dei servizi.

“Il Comune di Terracina – commenta l’assessore alle Politiche per l’Innovazione e Smart City, Emanuela Zappone – non è all’anno zero in questo ambito. Infatti già da un paio di anni abbiamo attivato una serie di servizi online che presto saranno ulteriormente implementati e che utilizzano lo Spid e pagoPA. Lo Spid è necessario per accedere allo Sportello Telematico Polifunzionale (https://sportellotelematico.comune.terracina.lt.it), la piattaforma digitale sulla quale è possibile inoltrare quasi tutte le istanze e prenotare i servizi. Prima ancora sono partiti il Cassetto Tributario e la presentazione delle pratiche edilizie per via telematica. Per quanto riguarda il servizio pagoPA, una delle piattaforme oggetto dell’Avviso Pubblico, a Terracina è già in vigore per il pagamento dei diritti di segreteria, i diritti di istruttoria e gli oneri nelle pratiche del SUE. Chiaramente, visto che è nata da pochissimi mesi ed ha goduto di una certa diffusione solo nelle ultime settimane grazie all’iniziativa del cashback governativo, ancora non abbiamo adottato l’app IO, uno strumento che integreremo nell’offerta dei servizi digitali disponibili”.

“L’Avviso – prosegue Zappone – contempla un calendario delle iniziative da porre in essere suddiviso in quelle da attivare entro il 28 febbraio e altre entro il 31 dicembre 2021. Per Terracina, considerando i servizi già attivi, gli obiettivi da raggiungere indicati dall’Avviso sono così ripartiti: entro il 28 Febbraio si dovrà procedere alla migrazione e attivazione di almeno due nuovi servizi di incasso Mod. 1 e Mod. 3 su Piattaforma pagoPA; dovremo quindi aderire all’App IO e integrare in essa almeno un servizio digitale del Comune.

Invece, entro il 31 Dicembre 2021, dovremo provvedere alla migrazione e attivazione su pagoPA di almeno del 70% dei servizi di incasso Mod 1 e Mod 3 (ove applicabile) erogati dal Comune. Sull’app IO, invece, dovremo migrare e attivare almeno 10 servizi digitali”.

“Si tratta – conclude l’assessore – di una bella sfida che amplia i servizi disponibili da casa o sul telefonino e davanti alla quale, come già detto, non ci presentiamo impreparati perché già da tempo la nostra Amministrazione ha avviato un percorso di digitalizzazione che consente la fruizione di moltissimi servizi online. Desidero ringraziare il Settore Informatico del Comune per la preparazione e la capacità di offrire nuove proposte e soluzioni per migliorare i servizi da erogare ai cittadini”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.