Frosinone : Scatta il limite dei 30 KM Orari

58

Da oggi anche Frosinone avrà le sue zone 30.
Sono dodici le strade nelle quali entrerà in vigore il nuovo limite, pensato in un’ottica di tutela della pubblica incolumità e, con un occhio, alla centralina dello Scalo di monitoraggio dell’inquinamento.

Così, sulla base della circolare del ministero dei Trasporti che ha indicato i parametri che consentono la riduzione a 30 dei limiti di velocità, accogliendo le direttive del sindaco Riccardo Mastrangeli il vice comandante dei vigili urbani il maggiore Giancarlo Tofani ha firmato l’ordinanza. Da questa mattina, pertanto, il limite dei 30 orari è istituito nelle seguenti strade: via Puccini, via Fontana Unica, via Mola Vecchia, via Marittima, via Grappelli (dove peraltro era già esistente), via Don Minzoni, via Refice, via Monteverdi, dall’intersezione con via Refice all’intersezione con via Mascagni, corso Lazio, via Portogallo, viale Grecia, corso Francia, nel tratto compreso tra viale Grecia e viale Europa.

Sulla base della direttiva ministeriale, le strade sono state individuate per la presenza di scuole, parchi, piste ciclabili, impianti sportivi, accessi carrabili e restringimenti di carreggiata.
Quanto ai controlli, saranno affidati alla polizia locale, compatibilmente con le esigenze di servizio e le carenze di organico. È chiaro che, nella prima fase, si punterà soprattutto alla prevenzione. Tanto più che, in assenza di misuratori di velocità, diventa impossibile contestare l’infrazione.

Anche se, sul punto, potrebbe intervenire a breve il ministero dei Trasporti bloccando l’uso degli autovelox per sanzionare violazioni al di sotto del limite dei 50 orari. Da qui a un mese, il ministero guidato dal vice premier Matteo Salvini potrebbe dare una stretta all’uso degli autovelox. Che, come dimostrato dai dati del Siope, il sistema informativo del ministero dell’Economia che censisce i movimenti delle pubbliche amministrazioni, sono una grandissima fonte di reddito per i Comuni, soprattutto quelli più piccoli.

Solo nel 2023, considerando i dati del Siope, il Comune di Frosinone ha incassato per le violazioni al codice della strada delle famiglie 612.227 euro, quello di Veroli 1.807.574 euro, quello di Monte San Giovanni Campano 655.604 e quello di Cassino 414.676 per citarne alcuni. Tra le nuove misure che il ministero introdurrà c’è proprio quella di vietare l’uso degli autovelox in quelle strade ove vige un limite inferiore ai 50 chilometri orari. Nelle provinciali e regionali il divieto di autovelox verrà esteso se il limite è inferiore ai 90 orari.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteStanziati 500 mila euro per il torrino della Ceschina
Articolo successivoPonza, l’eccessiva conflittualità danneggia la prossima stagione turistica