Si è riunita, nella giornata di ieri, presso il Comune di Formia, la Conferenza dei Sindaci del Distretto Socio-Sanitario per affrontare le criticità che gravano ed interferiscono con i servizi erogati dal D.E.A. I livello dell’Ospedale “Dono Svizzero”, al fine di intervenire in maniera tempestiva.

All’incontro, richiesto con urgenza dal Sindaco di Formia Gianluca Taddeo, hanno preso parte i Sindaci dei Comuni di Minturno e di Castelforte, Gerardo Stefanelli e Angelo Felice Pompeo, l’assessore alla Sanità del Comune di Gaeta, Teodolinda Morini, i delegati alla Sanità dei Comuni di Minturno e Ponza, Franco Esposito e Gennaro Di Fazio.

Nella lettera inviata alla Direttrice Generale dell’Asl di Latina, Silvia Cavalli e al Presidente della Conferenza Provinciale Socio-Sanitaria dei Sindaci, Damiano Coletta i primi cittadini del sud pontino “chiedono con forza che le norme ed i requisiti che regolano il funzionamento dei D.E.A. di I e II livello dell’Ospedale di Formia trovino concreto riscontro in maniera immediata”. “Pur in presenza delle annose e croniche carenze di risorse umane e tecnologiche – si legge nella missiva – anche in considerazione che siamo una Provincia molto difficile dal punto di vista delle distanze e della viabilità, e che ha solo due D.E.A. per oltre 500.000 abitanti, è una problematica che va affrontata celermente, anche in vista di una stagione che vedrà il raddoppio del bacino di utenza”.

“I sindaci del comprensorio, in quanto responsabili della sanità dei rispettivi comuni, sono il terminale delle lamentele e delle necessità avanzate dagli utenti – prosegue la nota – e pertanto si chiede un riscontro urgente alle figure decisionali della sanità provinciale, sollecitando il Sindaco di Latina Damiano Coletta, nella qualità di Presidente della Conferenza Provinciale Socio-Sanitaria dei Sindaci della Provincia, a procedere con immediatezza alla costituzione e all’operatività dell’ufficio di Presidenza di questa Conferenza”.
Infine, nell’ambito della Conferenza dei Sindaci è stato affrontato anche il tema del prossimo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Lazio 2019-2025 (PRGR) che si pone tra gli obiettivi prioritari la riduzione, il riciclo, il recupero e la valorizzazione dei rifiuti promuovendo progetti di investimenti pubblici. Nel tavolo comprensoriale è emersa la volontà di una riorganizzazione e di un arricchimento del servizio garantito dalla società Formia Rifiuti Zero al fine di migliorare e ottimizzare la gestione che dovrà essere organizzata per ambiti territoriali sovracomunali, con conseguente obbligo per i Comuni ricadenti in ciascun ambito di aderire ad una forma di cooperazione intercomunale”.

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.