Consiglio Regionale: Mazzeo, solidarietà a Israele per attacco di Hamas

Il presidente dell’Assemblea regionale ha chiesto un minuto di raccoglimento all’Aula. “Attacco brutale da condannare senza alcuna ambiguità". Ricordate in apertura di seduta anche le figure di Dalida Angelini e Giulio Quercini

29

FIRENZEUn minuto di raccoglimento per le vittime dell’attacco di Hamas che in questi giorni ha colpito Israele. È quanto ha chiesto il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo, in apertura di seduta. “Vorrei che da tutta quest’Aula, arrivasse forte e unanime il cordoglio per le vittime, tutte le migliaia già accertate, e la preoccupazione per la vita degli ostaggi, a partire dalle donne e dai bambini”. Il presidente ha espresso “la mia e la nostra solidarietà nei confronti di Israele, brutalmente colpito da attacchi di natura terroristica da parte di Hamas”. Attacchi che, ha proseguito Mazzeo, “vanno condannati senza alcuna ambiguità come del resto hanno già fatto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il nostro governo e tutte le forze politiche. Quello di Hamas è un atto di aggressione senza alcuna giustificazione che

rischia di aprire un nuovo drammatico conflitto. Un atto mosso dal più totale disprezzo della vita, intriso della disumana barbarie”, che ha visto gli assalitori “accanirsi contro persone indifese, uccidendo anziani, donne, bambini innocenti. Immagini di violenza atroce che ci riportano alla mente stermini che credevamo sepolti nella storia”. Uccidere bambini, ha dichiarato ancora il presidente dell’Assemblea toscana, citando il giornalista Domenico Quirico, è l’atto simbolo della volontà di annientamento dei popoli e di fronte a un atto terroristico come quello di Hamas è necessario ribadire che Israele ha diritto di esistere e di difendersi in linea con quello che prevede il diritto internazionale.  E si deve ribadire con la stessa forza che chi, come Hamas, compie tali brutalità è il primo nemico della causa palestinese, compromettendo le giuste aspirazioni di

pace e di libertà che arrivano anche da quel popolo. Da questo Consiglio regionale, oggi – ha concluso Mazzeo –, vorrei che arrivasse un auspicio forte, chiaro e unanime affinché la comunità internazionale tutta, a partire dall’Ue, lavori per giungere finalmente alla convivenza pacifica di due popoli e due Stati. Questa, e nessun’altra, è l’unica soluzione possibile della ragione e della speranza in un futuro finalmente migliore”.

Sempre in apertura dei lavori, Mazzeo ha voluto ricordare le figure di Dalida Angelini, prima donna ad essere eletta segretaria generale della Cgil Toscana, morta domenica scorsa, e di Giulio Quercini, Consigliere regionale nella terza e nella quarta legislatura, dal 1980 al 1987 prima di essere eletto con il Partito comunista italiano alla Camera dei deputati, morto il 3 ottobre scorso. “Due persone che ci hanno lasciato in questi giorni ma che hanno avuto un ruolo molto importante per la nostra regione”, ha detto il presidente. “Quella di Dalida Angelini è stata una vita spesa dalla parte dei lavoratori, dei diritti, delle lotte sindacali in nome di maggiori tutele e sicurezze. In questi anni ci siamo confrontati spesso e abbiamo provato a lavorare insieme con l’obiettivo comune di dare voce a chi non ha voce e più diritti a chi non ne ha o se li vede negati. Lotte che continueremo a portare avanti ogni giorno anche nel suo ricordo”. Di Giulio Quercini, Mazzeo ha ricordato la figura di uomo politico e delle istituzioni “aperto al cambiamento e sempre impegnato nel segno del rafforzamento, all’interno della sinistra italiana, della cultura di governo e delle ragioni dell’innovazione e del socialismo democratico e liberale”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePiombino: cercando di picchiare il suo ex datore di lavoro strattona e ferisce un agente di polizia, in carcere un senza fissa dimora
Articolo successivoIn arrivo a Cisterna di Latina la Fiera della Ricalata