Stati generali salute; Speranza: “Grandi investimenti in Toscana, in arrivo un miliardo di euro per la Sanità”

Il ministro Roberto Speranza: “La risoluzione proposta dalla Commissione Salute del Consiglio regionale è un lavoro proficuo utile anche fuori dai confini regionali”

14
Ospedale Careggi, firenze-immagine di Wikipedia

FIRENZE –Siamo di fronte a uno snodo cruciale per la storia dei Sistema Sanitario Nazionale e ci sono condizioni per fare un vero passo in avanti. Per questo serve un grande Patto-Paese tra istituzioni, governo nazionale, governi regionali, comuni, sindacati, ordini, realtà di ricerca. In questa sfida la Regione Toscana, grazie alla sua storia, può giocare un ruolo straordinario: in questa regione il servizio sanitario è stato un patrimonio identitario che dobbiamo tutti difendere con il coltello tra i denti”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza che questa mattina ha partecipato all’evento conclusivo degli “Gli Stati generali della Salute in Toscana”.

“Ho molto apprezzato il testo di risoluzione proposto dalla commissione Sanità e politiche sociali del Consiglio regionale e voglio dare merito a tutti i suoi componenti di aver messo in campo un lavoro proficuo e interessante che può essere letto con attenzione anche fuori dai confini regionali”, ha esordito nel suo intervento il ministro.

“Dobbiamo sostenere lo sforzo della Toscana e lo stiamo facendo”, ha continuato Speranza evidenziando come alla Regione saranno trasferiti fondi complessivi per circa 1 miliardo di euro: 450 milioni del Pnrr, 210 milioni sull’articolo 20 per l’edilizia sanitaria e 340 milioni per l’hub antipandemico di Siena, un progetto, ha sottolineato il ministro, “che mi sta molto a cuore, su cui ha dato un giudizio positivo anche Anthony Fauci. Diventerà un luogo straordinario dove lavoreranno grandi scienziati come Rino Rappuoli”.

La sfida è dunque quella di trasformare la grande crisi sanitaria che ci ha colpiti negli ultimi decenni in un’opportunità di ripartenza. “Per costruire un rilancio, la condizione necessaria saranno le risorse – ha continuato il ministro della Salute – Da sole però non bastano: per fare il salto di qualità serve anche un impianto di riforme”. Fondamentale dunque sarà “mettere mano alla riforma dell’assistenza sul territorio: la rete dovrà essere più forte, strutturale e capillare. La parola guida deve essere prossimità”. A questo proposito Speranza ha ricordato che entro il 30 giugno sarà approvato il DM 71 (riforma del sistema territoriale). “Essa prevede – ha spiegato il ministro – un rafforzamento della rete territoriale attraverso le case di comunità, 1350  in Italia di cui 77 in Toscana che saranno un luogo nuovo, con un punto unico di accesso, in cui presa in carico sociale e sanitario andranno insieme”. Il ministro ha anche ricordato altri punti chiavi della riforma, come l’istituzione di ospedali di comunità, che saranno 23 in Toscana, l’ammodernamento di tecnologie e attrezzature dei presidi sanitari, e la sanità digitale.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.