Il coach capitolino Andrea Antonelli ricorda il suo giocatore Francesco Cagnetta

555

Il noto allenatore di basket capitolino Andrea Antonelli intende ricordare un suo giovane giocatore scomparso a luglio – a causa di un improvviso malore – giovanissimo.Francesco giocava con la maglia di Ponte di Nona, un club periferico all’avanguardia nel settore giovanile. Piene di significato le parole di coach Antonelli: “Francesco Cagnetta era un ragazzo del 2005 che ho avuto il piacere di allenare a Ponte di Nona. Era un ragazzo che aveva il dono di saper stare nel gruppo senza mai, e davvero mai, essere geloso o polemico. Quando toccava a lui, che si trattasse di una manciata di minuti o più, era sempre pronto e disponibile. Se un compagno sbagliava qualcosa e prendeva una cazziata il primo abbraccio era il suo. Siamo sempre rimasti legati, anche quando non ero più il suo coach. Nel momento in cui è mancato, oltre al dolore per la scomparsa, ho pensato a cosa mi aveva lasciato questo ragazzo. Capita spesso a noi allenatori di ripetere ai ragazzi che il basket è uno sport di squadra, dove il GRUPPO fa la differenza. La maggior parte delle volte queste parole cadono inascoltate, invece Francesco mi ha insegnato che esiste sempre la possibilità che qualcuno le raccolga e le faccia sue. Mi piacerebbe che il suo TALENTO non vada sprecato, perché non si è campioni solo per una prestazione o per delle capacità tecniche. Si è campioni anche nelle qualità morali e nella disponibilità verso gli altri”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLe orchidee dell’orto botanico di Ponza in bella evidenza in un servizio giornalistico di Repubblica
Articolo successivoAprilia- Giuseppe morto a soli 23 anni rientrando dal lavoro. Oggi l’autopsia
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.