Vita dura per chi non si vuole vaccinare contro il covid.L’azienda sanitaria pontina ha sospeso un altro medico ( il sesto), che ha rifiutato di sottoporsi alla vaccinazione. Ma in Italia sono 1500 i medici che hanno rifiutato di vaccinarsi. Di questi, circa 1000 stanno esercitando, quasi il 70%, senza considerare che i dati a disposizione sono parziali. E’ un gruppo ristretto, rispetto ai 460 mila camici bianchi iscritti all’ordine, ma che comunque preoccupano per gli effetti che le loro scelte possono avere sui loro pazienti. I medici sospesi sono per ora 644. Nel Lazio sono circa 3000 i medici No Vax e di questi, 100 sono stati già sospesi.

I sanitari No Vax, ha precisato l’assessore alla sanità D’Amato, sono il 3%, dei 100 mila medici,infermieri e operatori che lavorano nel privato e nel pubblico. Lettere di richiamo e sanzioni sono già partite, come nel caso dell’ASL di Viterbo, che ha avviato provvedimenti nei confronti di 17 sanitari, di cui sei già sospesi, come nell’ASL di Latina. Verrà avviata la diffida o il cambio di mansione e il licenziamento, se non ci saranno motivazioni valide. 19 sanitari dell’ASL di Viterbo sono stati già richiamati,10 all’ASL Roma 5 e 2 all’ASL Frosinone. Nell’azienda ciociara, su oltre 4000 dipendenti, la componente che ha rifiutato il vaccino è stata di 30 unità. Il presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi,  ha precisato che, appena una trentina si sono dichiarati contrari al vaccino, su 46 mila medici della Capitale e i 55 mila totali del Lazio. Molti di più gli infermieri che hanno manifestato la volontà di non vaccinarsi.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.