Addio a Paul Ginsborg

Lo storico è morto oggi a Firenze all'età di 77 anni

47

FIRENZE- La scomparsa del professor Paul Ginsborg colpisce in modo profondo l’Italia e specialmente Firenze, la città che l’aveva accolto tanti anni fa.

Nato nel 1945 a Londra, lo stimatissimo studioso si era innamorato dell’Italia e aveva deciso di trasferirvisi definitivamente; dal 1992 fino al pensionamento ha insegnato storia dell’Europa contemporanea all’Università degli studi di Firenze.

Il suo lavoro più celebre, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi è un manuale valido e metodologicamente originale, sul quale si sono formate generazioni di studenti italiani.

Nella vita di Ginsborg il lavoro accademico si è sempre intrecciato con il costante impegno civile e politico, dall’esperienza dei Girotondi alla recente presidenza di Libertà e Giustizia.

Tutti lo ricordano come un intellettuale mite ma radicale, sempre pronto a schierarsi in prima linea nelle importanti questioni della contemporaneità con rigore, lucidità e generosità.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteEccellenza. Il Figline non gioca più e il Tau passa sul velluto: 5 a 1
Articolo successivoMatrimonio con petardi, Salvetti esce dal Comune e interrompe i festeggiamenti
Sono nata a Latina nel 1999 e studio Storia dell’arte a Firenze. Adoro visitare i luoghi storicamente e paesaggisticamente più rilevanti del nostro Paese e nel mentre scriverne e parlarne: credo infatti, come diceva benissimo Roberto Longhi, che “ogni italiano dovrebbe imparar da bambino la storia dell’arte come una lingua viva, se vuole aver coscienza intera della propria nazione”. Qui provo, nel mio piccolo, a tenervi informati su ciò che riguarda il nostro Patrimonio.