Auschwitz : Incontri ravvicinati che restano impressi nella mente per tutta la vita.

74

TERRACINA – C’era anche una scuola di Terracina  con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita ad Auschwitz. Il Capo dello Stato che arrivava da Varsavia nella seconda giornata del suo viaggio ufficiale in Polonia, dopo aver visitato il museo del campo di quello che fu uno dei più brutali campi di concentramento, ha preso parte alla Marcia dei Vivi in ricordo delle vittime dell’Olocausto con migliaia di studenti provenienti da ogni parte del mondo. E c’è, appunto, anche una delegazione di tre scuole superiori italiane tra cui il Liceo Scientifico-Classico-Scienze umane Leonardo da Vinci di Terracina in provincia di Latina, il liceo Classico Rinaldini di Ancona e il liceo Pujati di Sacile in provincia di Pordenone.

“L’odio, il pregiudizio, il razzismo, l’estremismo e l’indifferenza, il delirio e la volontà di potenza sono in agguato, sfidano in permanenza la coscienza delle persone e dei popoli”, ha evidenziato Mattarella”. “La memoria dell’Olocausto rimane un monito perenne che non può essere evaso”, ha affermato il capo dello Stato, tracciando un collegamento ideale con «l’inumana aggressione russa all’Ucraina». “Ad Auschwitz un crimine senza oblio né perdono” ha detto Mattarella rivolgendo poi un appello agli studenti: “Trasmettete la memoria della Shoah”

( Fonte Luna Notizie )


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteDesiderio e piacere di leggere
Articolo successivoUn episodio grave, esterno alla festa, non può offuscare il successo della sagra del carciofo