ROMA – Il concetto di interpretazione dei sogni è un qualcosa che affonda le proprie radici in tante discipline e scienze di ogni genere: dalla metafisica alla psicologia, sono molteplici le chiavi di lettura che nel corso dei secoli si sono provate a dare ad un tema così affascinante e di interesse collettivo.
Un percorso personalizzato, quello dell’interpretazione dei sogni, dato che può accadere che due persone sognino il medesimo oggetto, la stessa azione o la medesima situazione; ma per ciascuna ci sarà un vissuto differente, un bagaglio di esperienze unico che va ad influire poi sulla sua psicologia.
Di base, e su questo c’è un accordo quasi unanime, quello che sogniamo è sempre legato proprio a aspetti della vita personale, ad una dimensione di inconscio. I sogni sono storie e immagini che la nostra mente crea mentre dormiamo. Possono essere di ogni genere, da quelli piacevoli a sogni romantici, passando per quelli particolari, strani, inquietanti.

Cosa sono i sogni

Per secoli, le persone hanno messo in dubbio il significato dei sogni. Le prime civiltà pensavano ai sogni come mezzo tra gli umani e gli dei. I greci e i romani erano convinti che i sogni potessero predire il futuro. Da allora i tempi sono cambiati. Ora ci sono molte teorie diverse sui significati dei sogni e sull’interpretazione dei sogni.
Di base i sogni rivelano nostre verità profonde, motivo per il quale la stessa psicanalisi ha da sempre posto grande interesse attorno all’universo onirico. I sogni sono essenzialmente storie che girano nella nostra testa durante la notte; possono seguire una narrazione lineare o essere astratti. Gli scienziati stimano che facciamo circa 3-6 sogni in una notte e circa il 95% di questi sogni viene dimenticato la mattina seguente.
Il sogno si verifica durante il ciclo REM (Rapid Eye Movement) del sonno. Durante il sonno REM, gli occhi si muovono rapidamente in diverse direzioni. Di solito, il sonno REM avviene 90 minuti dopo essersi addormentati; si tende ad avere sogni intensi durante questo periodo poiché il cervello è più attivo.

Cosa significano i sogni?

Da sempre l’uomo cerca di capire se i sogni abbiano o meno un significato: ci sono molte teorie diverse quando si tratta di interpretazione dei sogni, e la maggior parte di queste teorie offre punti di vista diversi.
Una teoria neurobiologica afferma che i sogni in realtà non significano nulla, sono semplicemente impulsi cerebrali elettrici che estraggono pensieri e immagini casuali dai nostri ricordi. La teoria suggerisce che gli esseri umani costruiscono storie di sogni dopo essersi svegliati. Questo è un tentativo naturale di dare un senso a tutto.
Tuttavia, il famoso psicologo Sigmund Freud la pensava diversamente. Credeva che i sogni rivelassero conflitti o desideri inconsciamente repressi. Secondo Freud, i sogni sono l’immagine di un desiderio o di un impulso dell’infanzia che da allora è stato represso. Ecco perché Freud ha studiato i sogni per comprendere la mente inconscia.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.